Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

Nel 2018 sono stati spesi 6,5 miliardi di dollari per l'acquisto online di alcolici. E' quanto emerge dai dati dell'IWSR. Secondo il database globale di analisi di mercato delle bevande, l'1,8% del valore di tutti gli alcolici è ora venduto online. La regolamentazione della vendita al dettaglio online di alcol è "più complicata di altri settori e questo ha soffocato lo sviluppo, anche se la situazione sta cambiando", ha affermato l'IWSR.

Tuttavia, secondo IWSR il vino ha "sfruttato meglio il potere di vendita online". Nel 2018, infatti, il 3,6% di tutte le vendite di vino è derivato dall'e-commerce, per un totale di circa 8 miliardi di dollari statunitensi.

Quando si tratta di alcolici, invece, la vendita diretta su piattaforme online di proprietà è stata "meno efficace" per le società di spirits rispetto a partnership o acquisizioni con rivenditori online e servizi di consegna già affermati. L'IWSRsuggerisce che ciò è dovuto al fatto che i player di mercato "hanno scelto di vendere in modo esclusivo i propri marchi".

La società di analisi ha anche notato una tendenza da parte delle aziende di alcolici a "collaborare con le piattaforme online esistenti per massimizzare l'esposizione e mostrare i loro marchi ai consumatori da una prospettiva diversa".

In Cina, il 6,5% delle vendite di tutte le bevande alcoliche sono ordinate online, secondo IWSR. Gli utenti cinesi di internet, di cui ci si stima siano 800 milioni, sono stati "pronti ad abbracciare l'avvento dell'e-commerce". "L'esplosione nell'uso di smartphone, di app, di social media e dell'e-commerce mobile ha facilitato questo cambiamento nelle abitudini di acquisto", ha affermato l'IWSR, concludendo che "Il passaggio alle piattaforme digitali cambierà per sempre il panorama delle bevande alcoliche, fornendo un mercato per una quantità di marchi che non dipendono più dallo spazio sugli scaffali di alcune grandi catene di negozi. Il futuro mercato delle bevande alcoliche sarà di conseguenza un posto più vario e interessante".

 

La Cina minaccia nuovi dazi sui prodotti europei, nel mirino anche i vini

22-05-2024 | News

La Cina potrebbe prendere di mira le esportazioni di vino...

Brasile, alluvioni devastanti mettono in ginocchio i vigneti del Rio Grande do Sul

21-05-2024 | Estero

Il Rio Grande do Sul è stato colpito da abbondanti...

"Manifesto" delle aziende vinicole europee: 6 priorità per garantire la sostenibilità del settore

21-05-2024 | News

Il Comitato Europeo delle Aziende Vinicole (Ceev) ha pubblicato oggi...

Australia conferma l'aumento delle accise sugli alcolici anche nel 2025

21-05-2024 | Estero

Durante la presentazione del Bilancio Federale per il 2024-2025, il...

Consultazione nel Regno Unito su 60 leggi relative ad alimentari e bevande ereditate dalla Ue

21-05-2024 | Estero

I governi del Regno Unito, della Scozia, dell'Irlanda del Nord...

Whisky: produttori scozzesi e Usa uniti contro il rischio di ripristino dei dazi

21-05-2024 | News

Tra ottobre 2019 e marzo 2021, i produttori di Single...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.