Dall'estero

Lo scorso 27 giugno la Corte suprema degli Usa ha annullato il requisito di residenza per la commercializzazione di bevande alcoliche nello Stato del Tennessee, aprendo così il mercato a nuovi operatori.

Immediata la reazione della Tennessee Wine and Spirits Retailers Association la quale sostiene che il requisito della residenza nello Stato del Tennessee di coloro che vendono e distribuiscono bevande alcoliche deriva dal 21 esimo emendamento che sancisce il principio della sicurezza dei consumatori e dunque dell’affidabilità garantita dagli operatori in loco.

La Corte Suprema invece, ha ribadito l’incostituzionalità di tale restrizione in quanto discriminatoria verso gli operatori non residenti nel territorio, inoltre ha aperto l’opportunità di vendita attraverso piattaforme digitali.

Il cocktail più amato al mondo? Il Negroni non scalza (ancora) l'Old fashioned

21-01-2020 | Arte del bere

Il re dei cocktail classici resta l'Old Fashioned, seguito a...

Frodi: chiarimento del legislatore per gli spumanti "su punta"

20-01-2020 | Normative

L’Ispettorato Repressione Frodi ha diffuso ulteriori chiarimenti, in ordine alla presentazione di...

Consumatori sempre più interessati al vino, ma poco conoscitori

20-01-2020 | Studi e Ricerche

Nonostante i livelli di conoscenza del vino siano in calo...

McDonald's rinnova l'accordo con l'Aceto Balsamico di Modena Igp

20-01-2020 | Trend

Dopo il successo del 2019, con 15 milioni di panini...

Anche il 2019 è stato un anno spumeggiante: bollicine cresciute del 4% a valore

20-01-2020 | News

Nel 2019 la produzione nazionale di vini spumeggianti è cresciuta...

Cabina di regia sul vino: al ministero prima riunione con la filiera

20-01-2020 | News

Primi passi per la cabina di regia sul vino, voluta...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection