Dall'estero

Lo scorso 27 giugno la Corte suprema degli Usa ha annullato il requisito di residenza per la commercializzazione di bevande alcoliche nello Stato del Tennessee, aprendo così il mercato a nuovi operatori.

Immediata la reazione della Tennessee Wine and Spirits Retailers Association la quale sostiene che il requisito della residenza nello Stato del Tennessee di coloro che vendono e distribuiscono bevande alcoliche deriva dal 21 esimo emendamento che sancisce il principio della sicurezza dei consumatori e dunque dell’affidabilità garantita dagli operatori in loco.

La Corte Suprema invece, ha ribadito l’incostituzionalità di tale restrizione in quanto discriminatoria verso gli operatori non residenti nel territorio, inoltre ha aperto l’opportunità di vendita attraverso piattaforme digitali.

Nascono i webinar "Dialoghi sul Turismo Enogastronomico"

27-03-2020 | Itinerari

L’escalation dell’emergenza Covid-19, con diffusione ormai globale, ha costretto il...

Usa, ritardi nei pagamenti dei dazi

26-03-2020 | Estero

Il sito delle Dogane americane ha segnalato che a causa...

Decreti, codici Ateco e Inps: le ultime notizie

26-03-2020 | Normative

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DECRETO LEGGE 25...

Nasce Winease, piattaforma digitale per il vino italiano in Cina

26-03-2020 | News

Nasce a Firenze, a servizio del vino italiano, Winease, completo...

Ismea, provvedimenti straordinari per le imprese agricole e agroalimentari

25-03-2020 | News

A seguito dell’evolversi dell’emergenza sanitaria e del protrarsi delle misure...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection