Dall'estero

Lo scorso 27 giugno la Corte suprema degli Usa ha annullato il requisito di residenza per la commercializzazione di bevande alcoliche nello Stato del Tennessee, aprendo così il mercato a nuovi operatori.

Immediata la reazione della Tennessee Wine and Spirits Retailers Association la quale sostiene che il requisito della residenza nello Stato del Tennessee di coloro che vendono e distribuiscono bevande alcoliche deriva dal 21 esimo emendamento che sancisce il principio della sicurezza dei consumatori e dunque dell’affidabilità garantita dagli operatori in loco.

La Corte Suprema invece, ha ribadito l’incostituzionalità di tale restrizione in quanto discriminatoria verso gli operatori non residenti nel territorio, inoltre ha aperto l’opportunità di vendita attraverso piattaforme digitali.

Torna la Milano Wine Week, primo evento vinicolo del 2020

16-09-2020 | News

 Un’edizione che aumenta i contenuti dedicati al pubblico e agli...

Distillazione: slitta al 18 settembre il termine per le domande di aiuto

15-09-2020 | News

Proroga al 18 settembre del termine di presentazione della domanda...

Via libera all'accordo Ue-Cina sulla tutela di 200 Indicazioni geografiche

15-09-2020 | News

Il Consiglio europeo ha autorizzato la firma dell’Accordo bilaterale tra l'UE...

La filiera del vino: bene le semplificazioni votate in Parlamento

15-09-2020 | News

Le organizzazioni della Filiera Vitivinicola accolgono con soddisfazione le modifiche alla...

Cina: oggi al via il road show del vino italiano targato Ice e Vinitaly

15-09-2020 | News

Il vino italiano torna in Cina con un road show...

Vendemmia camper friendly nelle aziende delle Donne del Vino

14-09-2020 | Itinerari

Sono stati oltre un milione i turisti che, quest’estate, hanno...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.