Dall'estero

Nel gennaio di quest'anno, il governo canadese ha proposto di modificare le normative sulla vodka nel tentativo di migliorare le esportazioni e promuovere l'innovazione. La nuova regola entra in vigore immediatamente. Tuttavia, i distillatori canadesi hanno tempo fino al 13 dicembre 2022 per seguire i nuovi regolamenti e apportare eventuali modifiche valide all'etichettatura.

Secondo l'attuale standard canadese, la vodka deve essere prodotta con alcol da cereali o da patate, trattato con carbone di legna ed essere privo di carattere distintivo, aroma o gusto. Ora, i distillatori canadesi possono utilizzare qualsiasi materiale agricolo diverso da patate e cereali.

L'uso di nuovi ingredienti come miele, mele o prodotti caseari nella produzione di vodka fornisce ai consumatori "più scelta e allinea meglio il Canada con gli standard internazionali, aumentando l'innovazione e la competitività", affermano dal governo canadese.

La nuova norma garantisce, inoltre, "meno barriere agli scambi tra province e territori e migliora il commercio internazionale" in quanto il regolamento è più in linea con gli approcci dei "partner commerciali chiave", come gli Stati Uniti e l'Unione europea (UE). Attualmente, gli Stati Uniti e l'UE consentono alla vodka di essere prodotta da una più ampia gamma di materie prime.

"Il nostro governo si è impegnato a modernizzare lo standard della vodka per migliorare la competitività economica e migliorare il commercio", ha dichiarato Marie-Claude Bibeau, ministra dell'agricoltura e agroalimentare canadese. "Abbiamo così mantenuto questa promessa e l'industria degli alcolici in continua crescita nel nostro paese sarà in grado di produrre vodka innovativa e di venderla nei mercati di tutto il Canada e all'estero".

Le vendite di alcolici in Canada sono cresciute del 3,2% nel 2018, sostenute proprio dalla vodka e dal whiskey, secondo le recenti statistiche della divisione commerciale Spirits Canada. La vodka, compresa quella aromatizzata, era la categoria di alcolici più venduta lo scorso anno, rappresentando il 28,1% delle vendite totali. Seguita da vicino dal whisky al 27,9%.

Ci sono 112 distillerie in tutto il Canada, molte delle quali si trovano in British Columbia, Ontario e Quebec. Nel 2017 il Canada ha importato più vodka di quella esportata con importazioni per un totale di 143,9 milioni di dollari USA, mentre le esportazioni hanno raggiunto 13,8 milioni di dollari.

 

"Volti di Barbaresco", mostra permanente che consacra le eccellenze dell'enologia

09-07-2021 | Itinerari

Un’esposizione permanente e in grande formato: le immagini dei produttori...

L'infiorata di Poggio Moiano compie 50 anni

25-06-2021 | Itinerari

Cinquanta candeline! Mezzo secolo! Tanti sono gli anni che la...

Aceto Balsamico del Duca festeggia i suoi 130 anni di "oro nero"

24-06-2021 | News

Centotrenta bottigliette di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP Extravecchio...

Valpolicella, primo report annuale: più sostenibilità e contenimento produttivo

24-06-2021 | Trend

Una superficie vitata di 8.398 ettari, con il suo capoluogo...

Ecco le prime regole sulla certificazione di sostenibilità della filiera vitivinicola

24-06-2021 | News

Segnaliamo l’adozione del Decreto Dipartimentale n. 288989 del 23 giugno...

Cina: approvato un piano di sviluppo del vino di 15 anni per la regione di Ningxia

24-06-2021 | Estero

Il governo centrale cinese ha approvato un piano di sviluppo...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.