Dall'estero

Nel gennaio di quest'anno, il governo canadese ha proposto di modificare le normative sulla vodka nel tentativo di migliorare le esportazioni e promuovere l'innovazione. La nuova regola entra in vigore immediatamente. Tuttavia, i distillatori canadesi hanno tempo fino al 13 dicembre 2022 per seguire i nuovi regolamenti e apportare eventuali modifiche valide all'etichettatura.

Secondo l'attuale standard canadese, la vodka deve essere prodotta con alcol da cereali o da patate, trattato con carbone di legna ed essere privo di carattere distintivo, aroma o gusto. Ora, i distillatori canadesi possono utilizzare qualsiasi materiale agricolo diverso da patate e cereali.

L'uso di nuovi ingredienti come miele, mele o prodotti caseari nella produzione di vodka fornisce ai consumatori "più scelta e allinea meglio il Canada con gli standard internazionali, aumentando l'innovazione e la competitività", affermano dal governo canadese.

La nuova norma garantisce, inoltre, "meno barriere agli scambi tra province e territori e migliora il commercio internazionale" in quanto il regolamento è più in linea con gli approcci dei "partner commerciali chiave", come gli Stati Uniti e l'Unione europea (UE). Attualmente, gli Stati Uniti e l'UE consentono alla vodka di essere prodotta da una più ampia gamma di materie prime.

"Il nostro governo si è impegnato a modernizzare lo standard della vodka per migliorare la competitività economica e migliorare il commercio", ha dichiarato Marie-Claude Bibeau, ministra dell'agricoltura e agroalimentare canadese. "Abbiamo così mantenuto questa promessa e l'industria degli alcolici in continua crescita nel nostro paese sarà in grado di produrre vodka innovativa e di venderla nei mercati di tutto il Canada e all'estero".

Le vendite di alcolici in Canada sono cresciute del 3,2% nel 2018, sostenute proprio dalla vodka e dal whiskey, secondo le recenti statistiche della divisione commerciale Spirits Canada. La vodka, compresa quella aromatizzata, era la categoria di alcolici più venduta lo scorso anno, rappresentando il 28,1% delle vendite totali. Seguita da vicino dal whisky al 27,9%.

Ci sono 112 distillerie in tutto il Canada, molte delle quali si trovano in British Columbia, Ontario e Quebec. Nel 2017 il Canada ha importato più vodka di quella esportata con importazioni per un totale di 143,9 milioni di dollari USA, mentre le esportazioni hanno raggiunto 13,8 milioni di dollari.

 

Il Veneto vuole la Valpolicella patrimonio Unesco

22-01-2020 | Itinerari

Il Consiglio regionale del Veneto ha votato all'unanimità una mozione...

Dazi Usa: firmata la tregua sui vini tra Macron e Trump

21-01-2020 | Estero

Dopo che il governo degli Stati Uniti ha minacciato fino...

Mipaaf: accordo con l'Indonesia per la promozione delle indicazioni geografiche

21-01-2020 | News

C'è anche la promozione delle nostre Indicazioni Geografiche nell'accordo tra...

Il cocktail più amato al mondo? Il Negroni non scalza (ancora) l'Old fashioned

21-01-2020 | Arte del bere

Il re dei cocktail classici resta l'Old Fashioned, seguito a...

Frodi: chiarimento del legislatore per gli spumanti "su punta"

20-01-2020 | Normative

L’Ispettorato Repressione Frodi ha diffuso ulteriori chiarimenti, in ordine alla presentazione di...

Consumatori sempre più interessati al vino, ma poco conoscitori

20-01-2020 | Studi e Ricerche

Nonostante i livelli di conoscenza del vino siano in calo...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection