L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Una grande asta di vini per raccogliere risorse a favore del Libano, martoriato dalla terribile esplosione dei giorni scorsi che ha causato quasi 200 vittime e 4mila feriti. È il progetto di Madeleine Waters della società di consulenza PR, che ha condotto le campagne di comunicazione del vino libanese tra il 2010-14. Ora fa appello al mondo del vino internazionale per mostrare solidarietà con il Libano e donare vini, degustazioni Zoom, esperienze culinarie speciali o altre iniziative all'asta, che si svolgerà durante il fine settimana festivo, dal 28 al 31 agosto.

Waters ha detto al sito britannico The Drinks Business di essere stata ispirata da Gus Gluck, co-fondatore di Quality Wines a Londra, che aveva lanciato un'asta di vini australiani a gennaio per raccogliere fondi per le vittime degli incendi che avevano devastato il paese.

Il vino è una delle voci di esportazione più redditizie del Libano: “la massiccia esplosione nel porto - ha aggiunto Waters - potrebbe causare ulteriori ostacoli per un'industria e un paese già piegato da gravi difficoltà economiche a seguito delle restrizioni finanziarie poste sui conti bancari dallo scorso ottobre. Con una diminuzione del potere d'acquisto dei consumatori mentre aumentano i costi, in particolare delle merci importate”.

”Mi piacerebbe una celebrazione di tutti i paesi produttori di vino, che agiscono in solidarietà con il Libano", ha concluso.

Gli enti di beneficenza che ne beneficeranno sono Impact Lebanon, un'organizzazione di soccorso in caso di catastrofi che distribuisce fondi a ONG controllate che lavorano sul campo a Beirut, e il fondo per ricostruire il Souk el Tayeb & Tawlet di Kamal Mouzawak, una cucina comunitaria e un mercato agricolo che sostiene una vasta gamma di produttori e che è stata gravemente colpita dall'esplosione.

I membri del settore vinicolo che desiderano donare vini all'asta devono inviare un'e-mail a Madeleine a: madeleine@weareco.co.uk

Secondo un sondaggio del 2019 della Banca BlomInvest con l'associazione ufficiale dei produttori di vino del paese, Union Vinicole du Liban (UVL), il paese produce circa 8,5 milioni di bottiglie all'anno e nel 2018 ne ha esportato circa il 50%.

Le esportazioni di vino nel 2018 sono state valutate a $ 20 milioni, da $ 10,9 milioni nel 2010.

I 40 anni della prima Docg italiana, il Vino Nobile di Montepulciano

21-09-2020 | News

Quarant'anni fa. Era il 1980 quando il Ministero dell'Agricoltura e...

Ismea, con “Donne in campo” al via le agevolazioni per l’imprenditoria femminile in agricoltura

20-09-2020 | Normative

Sul sito www.ismea.it dal 15 settembre è attivo il portale per accedere...

Made Green in Italy, l'impronta ecologica dell'Aceto Balsamico di Modena in un logo

20-09-2020 | News

Non si fa trovare impreparato il sistema dell’Aceto Balsamico di...

Sostenibilità e territorio nell'Agenda 2030 del Consorzio Vini Alto Adige

20-09-2020 | Trend

In un’azione congiunta con il Centro di consulenza per la...

Post-Covid: le 5 nuove tendenze di consumo food&beverage

20-09-2020 | Studi e Ricerche

Quali saranno per il 2021 le nuove tendenze del food&beverage...

Addio a Diego Planeta, artefice della rinascita del vino siciliano

19-09-2020 | News

Se ne è andato un gran signore del vino. A...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.