Studi e Ricerche

Note positive dalla bilancia agroalimentare nazionale del 2017. Secondo le elaborazioni ISMEA su dati ISTAT le esportazioni del settore hanno raggiunto e superato la soglia di 41 miliardi di euro, con una crescita pari al 6,8% rispetto all’anno precedente. Andando a scomporre questo dato, emerge il buono stato di salute dell’industria alimentare che ha esportato in valore poco meno di 34 miliardi di euro,  +7,5% rispetto al 2016. L’import, invece, è cresciuto su base annua in misura inferiore, registrando un + 4,5% ed un valore pari a circa 45 miliardi di euro.

 federvini agroalimentari

Guardando alle destinazioni del nostro export, l'Ue con 26,7 miliardi di euro nel 2017 (+6,0% sul 2016), concentra ancora il 65% del valore complessivo dei prodotti agroalimentari esportati. L'andamento complessivo delle esportazioni è risultato di segno positivo per tutti i principali mercati di sbocco, mostrando tuttavia tassi di crescita più sostenuti verso Spagna (+13,3%, con 1,6 miliardi di euro esportati nel 2017), Polonia (+12,8% con 844 mila euro) e Francia (+8,1% con 4,5 miliardi di euro). 

Più dinamiche sono state le esportazioni dirette verso i paesi extra-Ue, che nel 2017 sono cresciute dell'8,2% su base annua, attestandosi a 14,3 miliardi di euro; gli incrementi sono risultati particolarmente consistenti per Giappone (+42,3% con 1,3 miliardi di euro), Russia (+24,6% con 524 milioni di euro) e Cina (+14,9% con 448 milioni di euro). In particolare in Russia - dove l'export riguarda evidentemente  i prodotti non oggetto di embargo - sono cresciute le esportazioni di vini, specificatamente dei vini in bottiglia, ch hanno generato un fatturato di circa 71 milioni di euro nel 2017 (+50,1%).Da evidenziare anche la performance commerciale italiana in Giappone, da ricondurre all'accordo di partenariato economico raggiunto a inizio luglio 2017 fra Ue e Giappone teso a eliminare le barriere commerciali. 

I vini e i mosti, nell’ambito delle esportazioni del settore agroalimentare, tengono salda la posizione con quasi 6 miliardi di euro (+6,4% sull’anno precedente). I prodotti più dinamici all’interno del comparto sono stati gli spumanti, con vendite all’estero aumentate fino a circa 1,4 miliardi di euro nel 2017 (+13,6%) corrispondenti ad una quota del 23% del fatturato all’export dell’intero comparto, e i vini in bottiglia (+4,4% con 4,2 miliardi di euro pari al 70% del comparto). 

Nel Lancashire anche la Chiesa produce il proprio Gin (a fin di bene)

20-11-2018 | Arte del bere

Il Ginnaissance (il Rinascimento del Gin) ha un nuovo -...

Borgogna: asta record di Christie's per l'Hospices de Beaune

19-11-2018 | Estero

Un nuovo record per l’annuale asta curata da Christie’s in...

In aumento le superfici agricole in affitto. Stabili i canoni

19-11-2018 | Studi e Ricerche

In base alla recente diffusione da parte dell’ISTAT dei primi risultati...

Import Usa di prodotti agrifood italiani: secondo Nomisma +6,5% nei prossimi cinque anni

19-11-2018 | News

“Secondo le stime Nomisma, le importazioni statunitensi di prodotti agrifood...

Le dichiarazioni di vendemmia slittano al 15 dicembre

19-11-2018 | Normative

Con il decreto qui allegato, il Ministero delle politiche agricole...

Cordoglio della federazione per la scomparsa di Luigi Rossi di Montelera

17-11-2018 | News

Federvini esprime il suo sentito cordoglio per la scomparsa di...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

Iscriviti alla newsletter di Federvini!

Riceverai una mail per confermare la tua iscrizione.