Dall'estero

Il governo russo ha minacciato di imporre una tariffa del 200% sui vini importati da Francia, Spagna e Germania in risposta alle sanzioni occidentali legate all'invasione dell'Ucraina. La misura, annunciata da Maxim Chmora del Servizio doganale federale russo, equivale a un divieto economico, colpendo duramente i vini europei che dominano il mercato russo.

Oltre ai vini dei paesi Nato, Mosca prevede una tariffa del 50% sui vini provenienti da altri "stati ostili". Queste tariffe mirano a sostenere i produttori di vino russi, specialmente nelle regioni di Krasnodar e Rostov. Se implementate, potrebbero avvantaggiare produttori di altri paesi come Argentina, Cile, Sudafrica e Armenia.

Dmitry Kiselev dell'Associazione dei Viticoltori e Vinificatori della Russia ha già ottenuto un aumento delle tariffe dal 12,5% al 20% e spinge per ulteriori incrementi per proteggere il mercato interno.

Fonte: Decanter

Alla scoperta dei vini e degli spiriti sulle colline del Monferrato

10-07-2024 | Itinerari

Il Monferrato, nel cuore del Piemonte, è una delle regioni...

I Colli Euganei riconosciuti come Riserva Mondiale della Biodiversità Unesco

09-07-2024 | Arte del bere

Dall'8 luglio i Colli Euganei sono ufficialmente una Riserva Mondiale...

Addio a Benito Nonino, l'uomo che ha trasformato la Grappa in un simbolo di eccellenza

08-07-2024 | News

Nella notte scorsa il mondo della distillazione e della cultura...

Led e Uhph, la tecnologia in campo per garantire la qualità dei vini

08-07-2024 | Studi e Ricerche

Il Centro Tecnologico del Vino (Vitec) ha completato due importanti...

I millennials americani sono la nuova frontiera dell'investimento in fine wines

08-07-2024 | Trend

Una recente indagine di Bank of America Private Bank ha...

Il Brasile verso una nuova tassazione sulle bevande alcoliche

08-07-2024 | Estero

Le bevande alcoliche in Brasile saranno soggette a una nuova...

Please publish modules in offcanvas position.