Studi e Ricerche

Anche dopo l’exploit del terzo trimestre 2018, la fiducia dei consumatori italiani nel quarto trimestre 2018 continua a crescere, arrivando a quota 70 punti, marcando un incremento di 1 punto rispetto al trimestre precedente. In crescita anche su base tendenziale (+2 punti). Su base trimestrale anche la media Mondo è in aumento (+1 punto, da 106 a 107), cala invece di tre punti la media del continente europeo (si ferma a 84 punti). In particolare, è risultato compromesso l’indice di fiducia dei consumatori francesi, che perde ben 13 punti rispetto al trimestre precedente, e 15 rispetto allo stesso periodo 2017.

La fiducia dei consumatori, rispetto al periodo luglio/settembre cala anche in Regno Unito (-4 punti, da 102 a 98), in Spagna (-3 punti, da 97 a 94) e in Germania (-2 punti, da 106 a 104). I numeri di questi Paesi sono però in linea con l’indice registrato alla fine del 2017. I dati emergono dalla Conference Board Global Consumer Confidence Survey svolta in collaborazione con Nielsen su base trimestrale.

“L'ultimo aggiornamento della Consumer Confidence Survey – ha dichiarato Roberto Pedretti, Group President di Nielsen per il Sud Europa – sembra confermare le aspettative positive degli italiani, al contrario dei propri cugini d'oltralpe. Migliorano, infatti, la percezione della propria situazione finanziaria, la propensione all’acquisto e le aspettative occupazionali. La stabilità dei fatturati della GDO, che ha chiuso l’anno  con un +0,3% su base tendenziale, è in linea con il sentiment generale”.

In effetti, la propensione al consumo cresce di 2 punti percentuali (arrivano quindi al 27% quanti ritengono sia il momento giusto per fare acquisti). Parallelamente sale, dal terzo al quarto trimestre 2018, la percentuale di chi è positivo riguardo lo stato delle proprie finanze (33%, +1pp) e, se aumenta il numero di persone che ritiene che il Paese sia in recessione (79%, +1pp), aumentano sensibilmente anche coloro che credono che si uscirà dalla recessione nel 2019 (21% vs. 15% nel trimestre precedente, e 11% nel Q4 2017).

Fa registrare un incremento, però, la percentuale di italiani che adottano misure per risparmiare: sono il 56%, +3pp rispetto al trimestre precedente. Le principali voci di riduzione delle spese riguardano i pasti e l’intrattenimento fuori casa (indicati come possibile taglio rispettivamente dal 59% e dal 56% dei rispondenti), l’abbigliamento (54%) e i prodotti alimentari (il 39% passa/passerebbe a marchi più economici). Si risparmia anche su vacanze e soggiorni brevi (38%), sull’acquisto di oggetti per la casa (35%), su gas e elettricità (35%), sull’utilizzo dell’auto (35%), su spese telefoniche (29%), e sui device elettronici (26%).

Una volta coperte le spese essenziali (bollette, rate del mutuo, affitti, etc.) e accantonati i risparmi, tra le preferenze d’acquisto degli italiani spiccano proprio l’abbigliamento (47%) e i viaggi (39%, -6pp, data anche la conclusione del periodo estivo e “vacanziero”), seguiti dal divertimento fuori casa e dai nuovi prodotti tecnologici, rispettivamente al 35% e 28%. Si usa il denaro “in piu’” anche per saldare prestiti (17%), ristrutturazioni domestiche (17%), fondi pensione (13%), fondi di investimento (10%). Il 18% del campione dichiara tuttavia di non potersi permettere spese ulteriori a quelle essenziali, arrivando a fine mese senza avere accantonato nulla per gli extra.

L’analisi di Nielsen prende anche in considerazione le principali preoccupazioni degli italiani. In prima posizione c’è sempre il posto di lavoro (indicata dal 18% dei rispondenti, stabile vs. trimestre precedente). Seguono le preoccupazioni per l’economia nazionale (14%, in aumento) e per la salute (10%, in aumento). Si riducono lievemente le apprensioni relative a stabilità politica (4%) all’immigrazione (5%) e a ordine pubblico/criminalità (6%). La preoccupazione per l’aumento del costo delle utenze, invece, cresce di 2pp (8%).

Consumer Confidence Q4 2018 ITA

Oiv: la Cina primo produttore di uva anche nel 2018

17-07-2019 | Studi e Ricerche

La Cina, nonostante un calo dell'11% nel 2018, è il...

Premio Masi: ecco i vincitori dell'edizione 2019

16-07-2019 | News

Cinque interpreti di una forte identità culturale e delle virtù...

Il deputato popolare tedesco Norbert Lins è il nuovo presidente di Comagri

16-07-2019 | News

I deputati della commissione per l'agricoltura del Parlamento europeo (Comagri)...

Accordo di libero scambio tra Ue e Giappone: presto una procedura semplificata per vino e spiriti

15-07-2019 | Normative

L’Accordo di libero scambio tra l’Unione europea ed il Giappone...

Onav e Università di Torino: arriva la prima Scuola Universitaria per Maestri Assaggiatori di Vino

15-07-2019 | News

Ci sono voluti anni di lavoro e confronto di alcune...

Cracovia Capitale europea della Cultura gastronomica 2019

15-07-2019 | Trend

Cracovia è la Capitale Europea della Cultura Gastronomica 2019. Il riconoscimento...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection