Il 29 maggio è stato pubblicato il decreto “Made Green Italy”. La metodologia per la determinazione dell’impronta ambientale dei prodotti (Product Enviromental Footprint) era stata definita nella raccomandazione della Commissione europea del 9 aprile 2013. Ora, in attuazione del cd Collegato Ambientale, il decreto stabilisce le modalità di funzionamento dello schema nazionale volontario denominato «Made Green in Italy», per la valutazione e la comunicazione dell'impronta ambientale dei prodotti Made in Italy, anche con il rilascio del logo «Made Green in Italy» ai prodotti originari dell’Italia. 

I soggetti interessati a proporre una RCP (regola di categoria di prodotto) - ovvero le indicazioni metodologiche che definiscono regole e requisiti obbligatori e facoltativi necessari alla conduzione di studi relativi all'impronta ambientale per una specifica categoria di prodotto - inviano la richiesta al Ministero dell’Ambiente.

Le RCP hanno una validità di quattro anni. Novanta giorni prima della scadenza del termine di validità, il Ministero dell’Ambiente avvia una consultazione pubblica della durata di trenta giorni per il loro aggiornamento.

Lo schema, gestito dal Ministero dell’Ambiente, ha una valenza trasversale e intersettoriale, tuttavia, ancora devono essere implementate le regole specifiche e la relativa figura del verificatore indipendente accreditato relativamente ai settori rappresentati da Federvini.

Regolamento della Commissione sull’indicazione d’origine o del luogo di provenienza dell’ingrediente primario.

E’ stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) 2018/775 della Commissione sull'indicazione del paese d'origine o del luogo di provenienza dell'ingrediente primario di un alimento, consultabile al seguente link.

La normativa, in ossequio all’articolo 26 del Regolamento 1169/2011 sull’informazione al consumatore, stabilisce l’obbligo di indicazione dell’origine dell’ingrediente primario, nel caso in cui tale omissione possa indurre in errore il consumatore. Questo regolamento non si applica ai prodotti vitivinicoli e alle bevande spiritose perché coperti da specifiche normative. 

Riguarda invece i vini aromatizzati e le bevande a base di vino perché non ci sono riferimenti specifici nel regolamento 251/2014: il Comité Vins, l’associazione europea del settore vino, si è già resa promotrice di una proposta di modifica del regolamento per fare in modo che anche queste famiglie di prodotti siano esclusi.

Si applica infine agli aceti perché non dispongono di una normativa europea specifica.

La produzione alimentare rallenta la crescita. Export: i numeri di vino, spiriti e aceti

20-11-2018 | News

La produzione alimentare ha perso velocità, con un +1,2% su...

Al via le terza Settimana della Cucina Italiana nel Mondo. Dedicata alla Dieta Mediterranea

20-11-2018 | Arte del bere

E' dedicata al tema della Dieta Mediterranea, la terza edizione...

Sulle etichette del vino europeo torna l'origine delle uve

20-11-2018 | News

La Commissione ha rettificato il testo del regolamento sul vino...

Nel Lancashire anche la Chiesa produce il proprio Gin (a fin di bene)

20-11-2018 | Arte del bere

Il Ginnaissance (il Rinascimento del Gin) ha un nuovo -...

Borgogna: asta record di Christie's per l'Hospices de Beaune

19-11-2018 | Estero

Un nuovo record per l’annuale asta curata da Christie’s in...

In aumento le superfici agricole in affitto. Stabili i canoni

19-11-2018 | Studi e Ricerche

In base alla recente diffusione da parte dell’ISTAT dei primi risultati...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

Iscriviti alla newsletter di Federvini!

Riceverai una mail per confermare la tua iscrizione.