News

Martedì, 30 Settembre 2014

Le aziende europee del Vino accolgono positivamente l’ambizioso accordo commerciale tra l’Unione Europea e il Canada

di

Brussels, 27 Settembre 2014 – Durante il vertice UE/Canada, il Presidente della Commissione Europea e il Primo Ministro Canadese hanno confermato la conclusione dei negoziati CETA.

Il “wine agreement” del 2004 ha rappresentato un passo in avanti per lo sviluppo del commercio tra l’UE e il Canada, ma alcuni contrasti commerciali sono rimasti per i vini Europei, legati in particolare alle pratiche discriminatorie da parte dei monopoli provinciali (“Liquor Boards”).

Il CETA consolida i risultati del “wine agreement” del 2004, tra cui la piena e reciproca protezione di tutte le indicazioni geografiche dei vini provenienti da entrambe le parti. Inoltre faciliterà un più equo accesso al mercato Canadese per i vini europei fornendo strumenti più efficaci per prevenire e affrontare gli ostacoli ingiustificati e le pratiche discriminatorie, in particolare da parte di Liquor Boards, inclusa l’applicazione di misure di risoluzione delle controversie.

 “Quello Canadese è un importante e tradizionale mercato per i vini europei. Con questo accordo, le prospettive sono consolidate e gli esportatori europei potranno beneficiare  di un quadro chiaro e leale.” Ha dichiarato Jean-Marie Barillère, Presidente  del CEEV. “ Nel contesto economico globale, gli accordi di libero scambio (FTAs) assumono un’importanza strategica per garantire le migliori condizioni di accesso al mercato per i vini europei. Speriamo che simili risultati positivi nel miglioramento delle relazioni commerciali potranno essere raggiunti attraverso altri accordi di libero scambio.

Il CEEV si aspetta una rapida entrata in vigore del CETA e sollecita la Commissione Europea a garantire il pieno rispetto e l’attuazione del presente accordo, in particolare per l’attività di Liquor Boards. Questa è la condizione per ottenere il massimo beneficio atteso per lo sviluppo del nostro export.

Il Canada è il 4° mercato extra-UE per i vini europei, con 768 milioni di euro nel 2013 e una crescita del 27% dal 2007. 

(CEEV – www.ceev.eu)

Al via da oggi i dazi supplementari su Whisky e Bourbon made in Usa

22-06-2018 | News

Scattano da oggi i dazi supplementari su alcuni prodotti originari degli...

Dal Barocco al Liberty con il Cerasuolo di Vittoria

22-06-2018 | Itinerari

Dalle città barocche della Val di Noto, patrimonio dell'Unesco, fino...

Aromi freschi per il cocktail? Si coltivano direttamente in cucina con l'idroponica

20-06-2018 | Arte del bere

Menta, rosmarino, basilico... da oggi è possibile avere le erbe...

La "Dolce Vita" tra sei anni crescerà all'estero del 75%. Siamo pronti?

20-06-2018 | News

Quali prospettive di sviluppo ci sono per i prodotti belli...

‘BarberatoBe’, Barbera d’Asti e Vini del Monferrato si presentano ai buyer esteri

19-06-2018 | Estero

Un modo di essere, di presentarsi e dialogare con compratori...

Nasce a Varsavia il primo museo della vodka

19-06-2018 | Estero

La Vodka ha da oggi il suo museo. Ha aperto...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.