News

Martedì, 30 Settembre 2014

Le aziende europee del Vino accolgono positivamente l’ambizioso accordo commerciale tra l’Unione Europea e il Canada

di

Brussels, 27 Settembre 2014 – Durante il vertice UE/Canada, il Presidente della Commissione Europea e il Primo Ministro Canadese hanno confermato la conclusione dei negoziati CETA.

Il “wine agreement” del 2004 ha rappresentato un passo in avanti per lo sviluppo del commercio tra l’UE e il Canada, ma alcuni contrasti commerciali sono rimasti per i vini Europei, legati in particolare alle pratiche discriminatorie da parte dei monopoli provinciali (“Liquor Boards”).

Il CETA consolida i risultati del “wine agreement” del 2004, tra cui la piena e reciproca protezione di tutte le indicazioni geografiche dei vini provenienti da entrambe le parti. Inoltre faciliterà un più equo accesso al mercato Canadese per i vini europei fornendo strumenti più efficaci per prevenire e affrontare gli ostacoli ingiustificati e le pratiche discriminatorie, in particolare da parte di Liquor Boards, inclusa l’applicazione di misure di risoluzione delle controversie.

 “Quello Canadese è un importante e tradizionale mercato per i vini europei. Con questo accordo, le prospettive sono consolidate e gli esportatori europei potranno beneficiare  di un quadro chiaro e leale.” Ha dichiarato Jean-Marie Barillère, Presidente  del CEEV. “ Nel contesto economico globale, gli accordi di libero scambio (FTAs) assumono un’importanza strategica per garantire le migliori condizioni di accesso al mercato per i vini europei. Speriamo che simili risultati positivi nel miglioramento delle relazioni commerciali potranno essere raggiunti attraverso altri accordi di libero scambio.

Il CEEV si aspetta una rapida entrata in vigore del CETA e sollecita la Commissione Europea a garantire il pieno rispetto e l’attuazione del presente accordo, in particolare per l’attività di Liquor Boards. Questa è la condizione per ottenere il massimo beneficio atteso per lo sviluppo del nostro export.

Il Canada è il 4° mercato extra-UE per i vini europei, con 768 milioni di euro nel 2013 e una crescita del 27% dal 2007. 

(CEEV – www.ceev.eu)

E in Spagna e Francia spopola il vino blu

15-08-2018 | Trend

L'imprenditore francese René Le Bail ha lanciato in Spagna e...

I bianchi di Romagna si uniscono in un Club

14-08-2018 | Trend

Quindici cantine dell'Emilia Romagna, dalle colline di Rimini alla provincia di...

Il Cile guadagna quattro nuove denominazioni d'origine

13-08-2018 | Estero

Al Cile sono state riconosciute quattro nuove Denominazioni di Origine...

Una vacanza tra il fiume e il vino del Friuli Venezia Giulia

10-08-2018 | Itinerari

Il Tagliamento è un fiume che ha segnato la storia del Friuli...

Prosecco Conegliano Valdobbiadene: export a +6,9%

09-08-2018 | Studi e Ricerche

Vendite estere in aumento per il  Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg. I...

In Israele scoperta antica "fabbrica" del vino

08-08-2018 | Estero

Gli archeologi israeliani vicino a Tel Aviv hanno scoperto un...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.