News

Roma - 22 Settembre 2014 - I vini a basso tenore alcolico restano ancora una tipologia tutta da scoprire. Francia e Stati Uniti sono attualmente i mercati più interessanti per questo tipo di vini, ma altri mostrano un grande potenziale, secondo il nuovo rapporto di Wine Intelligence sull’argomento (“Wine Intelligence Lower alcohol wines - A multi-market perspective 2014 report”).
Gli Stati Uniti sono il più grande mercato per i vini a basso tenore alcolico (cioè quelli sotto i 10,5% Vol. di alcol), con il 42% di consumatori che li bevono una volta al mese. La Francia ha mostrato una crescita forte nella categoria con 12 milioni di consumatori di vini a basso tenore alcolico.
Anche la Germania rimane un mercato interessante che mostra un aumento del numero di acquirenti, ma nel caso tedesco soccorre anche la storia enologica di questo Paese: in Germania i vini sotto i 10,5 Vol. di alcol sono tendenzialmente molto diffusi, specialmente guardando alla produzione tradizionale bianchista.
winenews

Roma - 22 Settembre 2014 - I vini a basso tenore alcolico restano ancora una tipologia tutta da scoprire. Francia e Stati Uniti sono attualmente i mercati più interessanti per questo tipo di vini, ma altri mostrano un grande potenziale, secondo il nuovo rapporto di Wine Intelligence sull’argomento (“Wine Intelligence Lower alcohol wines - A multi-market perspective 2014 report”).
Gli Stati Uniti sono il più grande mercato per i vini a basso tenore alcolico (cioè quelli sotto i 10,5% Vol. di alcol), con il 42% di consumatori che li bevono una volta al mese. La Francia ha mostrato una crescita forte nella categoria con 12 milioni di consumatori di vini a basso tenore alcolico.
Anche la Germania rimane un mercato interessante che mostra un aumento del numero di acquirenti, ma nel caso tedesco soccorre anche la storia enologica di questo Paese: in Germania i vini sotto i 10,5 Vol. di alcol sono tendenzialmente molto diffusi, specialmente guardando alla produzione tradizionale bianchista.

Tra i mercati analizzati, il Canada si distingue, invece, come il mercato che mostra il più forte allontanamento da questa particolare categoria. La mancanza di una percezione qualitativa per i vini a basso tenore alcolico, gioca un ruolo importante in questa dinamica.
Si tratta ancora di una categoria di nicchia, soggetta all’acquisto occasionale e c’è ancora molto lavoro da fare sia in termini di sviluppo del prodotto sia di educazione del consumatore perché i vini a basso tenore alcolico abbiano una crescita diffusa e significativa.  

Faq Covid: asporto fino alle 22, ma vietato ai bar senza cucina

22-01-2021 | News

"La vendita con asporto è possibile anche dalle 18.00 alle...

Covid-19, riepilogo normativa in vigore al 21 gennaio 2021

22-01-2021 | Normative

In allegato il riepilogo dei provvedimenti adottati a livello nazionale...

Nuova piattaforma per l'Help Desk Brexit di Confindustria

21-01-2021 | News

Cambia il link dell'Help Desk Brexit di Confindustria. È online...

Drink perfetti? In aiuto dei barman arriva la Cocktail Machine

20-01-2021 | Trend

Anche la mixology è sempre più digitale. Il sistema digitale...

In Gazzetta l'esonero straordinario dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali

20-01-2021 | Normative

Segnaliamo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 19 gennaio...

Vola il rum riserva della pop star Bruno Mars: esaurito in due ore

20-01-2021 | Arte del bere

Basta che ci sia dietro il nome di una star...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.