News

Le esportazioni europee raddoppiano. Le aziende vogliono più peso nelle politiche negoziali

Pressing dei produttori: via le barriere nei paesi extra-Ue

ITALIAOGGI

L’export dei distillati e liquori europei è raddoppiato in valore negli ultimi dieci anni passando da 5 a oltre 10 miliardi di euro e contribuendo alla bilancia commerciale europea del 2013 con un saldo positivo di 8,6 miliardi. Per questo, i produttori chiedono di contare di più nelle politiche commerciali dell’Ue. Che nel negoziare gli accordi di libero scambio, dovrebbe farsi carico della “eliminazione delle barriere tariffarie”, come quella del 150% prevista sul whisky in India, per esempio. Ma anche concentrarsi su altri ostacoli alle esportazioni, come le “politiche fiscali discriminatorie e l’insufficiente protezione della proprietà intellettuale”. I produttori europei di “spirits” lo hanno fatto presente direttamente al commissario Ue al commercio Karel de Gucht in una conferenza a Bruxelles, pochi giorni prima del nuovo round di negoziati per il patto commerciale tra Usa e Ue, in programma nella capitale belga dal 14 al 18 luglio. Nonostante il dominio di whisky, cognac e gin sul mercato internazionale, anche i liquori italiani dicono la loro, con un comparto che negli ultimi dieci anni ha visto crescere l’export in valore sia nei confini europei, che enxtra-Ue fino a sfiorare i 700 milioni di euro. Tra i punti di forza del made in Italy ci sono la grappa ei liquori da cocktail che sfondano soprattutto nel mercato Usa. Poi ci sono “Russia e Giappone – spiega a ItaliaOggi il direttore di Federvini Ottavio Cagiano de Azevedo – che mostrano interesse per l’alcol bianco, ma esistono dei limiti per alcune sostanze come il metanolo che variano rispetto all’Ue e l’intervento per adeguarne il tenore fa perdere alcune caratteristiche organolettiche”. Anche nel comparto liquori, quindi, l’Italia punta alla qualità. Strada più remunerativa, ma anche più difficile. “Dobbiamo spiegare molto bene il nostro sistema produttivo a livello internazionale – conclude de Azevedo – e fare pressione perché negli accordi di libero scambio si parli anche dei monopoli sugli alcolici”.

di Angelo di Mambro

 

Barolo e Amarone i più conosciuti dai cinesi ma il primato della popolarità va alla Ferrari

18-09-2018 | Estero

Il marchio italiano più conosciuto dai cinesi? Resta la Ferrari...

Vini Doc Sicilia a quota 50 milioni di bottiglie

18-09-2018 | Trend

I 50 milioni di bottiglie prodotte da gennaio a luglio...

“No Italy, no Cocktail”: i bartender americani alla scoperta della tradizione italiana

17-09-2018 | News

Nel 2018, l’Agenzia ICE – Istituto per il Commercio Estero...

Centinaio: accordo con Alibaba per vendere ai cinesi il vero made in Italy

15-09-2018 | News

Un accordo con il gigante dell'ecommerce Alibaba per dedicare una...

I Supertuscan come una Bamboo di Gucci? "Vino pret-à-porter", trucchi e consigli per tutte le wine lover

14-09-2018 | Arte del bere

Esce  in libreria  per Rizzoli Illustrati "Vino pret-à-porter" di Francesca Negri...

Tailandia: slitta a marzo 2019 l’entrata in vigore del nuovo certificato di analisi

14-09-2018 | Normative

La Tailandia richiede un nuovo certificato di analisi che deve...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.