News

Mercoledì, 25 Giugno 2014

AGRICOLTURA: MARTINA,DOMINI .VIN E .WINE A CENTRO SEMESTRE UE

di

 

Tutela nostre indicazioni d'origine su web decisiva per settore

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - "Il Governo italiano e' determinato ad assumere un'iniziativa forte sull'annosa questione dei domini ".vin" e ".wine" durante il Semestre di Presidenza italiana dell'Unione europea. Siamo coordinati con il Ministro Guidi e il Sottosegretario Giacomelli per accelerare sulle azioni di contrasto alla vendita di domini che sfruttino il Made in Italy agroalimentare in maniera assolutamente impropria". Cosi' il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, sulla vicenda della vendita dei domini ".vin" e ".wine" da parte dell'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN), l'Ente statunitense che gestisce l'assegnazione dei domini web.

 

Tutela nostre indicazioni d'origine su web decisiva per settore

  (ANSA) - ROMA, 25 GIU - "Il Governo italiano e' determinato ad assumere un'iniziativa forte sull'annosa questione dei domini ".vin" e ".wine" durante il Semestre di Presidenza italiana dell'Unione europea. Siamo coordinati con il Ministro Guidi e il Sottosegretario Giacomelli per accelerare sulle azioni di contrasto alla vendita di domini che sfruttino il Made in Italy agroalimentare in maniera assolutamente impropria". Cosi' il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, sulla vicenda della vendita dei domini ".vin" e ".wine" da parte dell'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN), l'Ente statunitense che gestisce l'assegnazione dei domini web.

"Dobbiamo fare squadra - prosegue Martina - con gli altri Stati membri e proteggere comunemente e con decisione il nostro patrimonio di denominazioni, che e' in serio pericolo per la politica di un ente privato come l'ICANN. Lotteremo fino in fondo per la tutela delle nostre indicazioni d'origine su internet, perche' la partita del web e' decisiva per il futuro dell'agroalimentare italiano ed europeo. Non e' ammissibile - conclude il ministro - che le nostre denominazioni possano essere vendute come termini generici a chi non rappresenta il territorio, il tessuto produttivo e l'anima di chi vive e opera in questi luoghi. Non rinunceremo a dare battaglia in tutte le sedi possibili, perche' qui c'e' in gioco non solo l'interesse dei produttori di vino, ma quello dell'Italia e dell'Europa al rispetto delle proprie leggi". (ANSA)   

 

E in Spagna e Francia spopola il vino blu

15-08-2018 | Trend

L'imprenditore francese René Le Bail ha lanciato in Spagna e...

I bianchi di Romagna si uniscono in un Club

14-08-2018 | Trend

Quindici cantine dell'Emilia Romagna, dalle colline di Rimini alla provincia di...

Il Cile guadagna quattro nuove denominazioni d'origine

13-08-2018 | Estero

Al Cile sono state riconosciute quattro nuove Denominazioni di Origine...

Una vacanza tra il fiume e il vino del Friuli Venezia Giulia

10-08-2018 | Itinerari

Il Tagliamento è un fiume che ha segnato la storia del Friuli...

Prosecco Conegliano Valdobbiadene: export a +6,9%

09-08-2018 | Studi e Ricerche

Vendite estere in aumento per il  Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg. I...

In Israele scoperta antica "fabbrica" del vino

08-08-2018 | Estero

Gli archeologi israeliani vicino a Tel Aviv hanno scoperto un...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.