News

Continua a crescere la domanda di drink poco o per nulla alcolici. Secondo quanto rilevato da un nuovo rapporto di IWSR Drinks Market Analysis le categorie no- e low-alcohol sono cresciute di oltre il 7% in volume in 10 mercati globali chiave nel 2022 per superare un valore di mercato di 11 miliardi di dollari.

Si prevede che il consumo della categoria aumenterà di un terzo entro il 2026, con un ritmo di crescita previsto di un CAGR del 7% tra il 2022 e il 2026, in aumento rispetto alla crescita del 5% del CAGR tra il 2018 e il 2022.

Tra i 10 mercati esaminati, Australia, Brasile, Canada, Francia, Germania, Giappone, Sudafrica, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti, il valore del mercato dei prodotti senza e a basso contenuto alcolico ha superato gli 11 miliardi di dollari, rispetto agli 8 miliardi del 2018.

La dinamica categoria no/low-alcohol presenta opportunità di crescita incrementale delle vendite, in quanto allarga la platea dei consumatori sottolinea Susie Goldspink, responsabile del settore no- e low-alcohol di IWSR Drinks Market Analysis: "Poiché sempre più persone scelgono di evitare l'alcol in determinate occasioni - o di astenersene del tutto - il no-alcohol sta aumentando costantemente la sua quota nella categoria no/low".

I volumi dei prodotti analcolici sono cresciuti del 9% nel 2022, con un CAGR che si prevede si mantenga tra il 2022 e il 2026, e ora rappresentano il 70% del segmento dei prodotti analcolici e a basso contenuto alcolico, rispetto al 65% del 2018.

Si prevede che la birra e il sidro analcolici contribuiranno a quasi il 70% della crescita complessiva della categoria tra il 2022 e il 2026. "Nella maggior parte dei mercati, i prodotti analcolici crescono più rapidamente di quelli a basso contenuto alcolico", ha dichiarato Goldspink. I Paesi in cui questo non vale, come il Giappone e il Brasile, sono mercati low-alcohol in fase iniziale, con una base di volumi ridotta".

La Germania rimane il più grande mercato mondiale per la categoria, seguita da Giappone, Spagna, Stati Uniti e Regno Unito.

Foto Unsplash

Tour sciistici sulle Dolomiti alla scoperta della Grande Guerra

02-02-2023 | Itinerari

In questo periodo dell'anno le Dolomiti sono una delle mete...

Nuova viticoltura, studio sui vitigni resistenti

01-02-2023 | Studi e Ricerche

Unire qualità alla concreta sostenibilità: è questo lo spirito che...

Abruzzo eletta regione vinicola dell'anno per Wine Enthusiast

01-02-2023 | Arte del bere

Riconoscimento prestigioso per l'Abruzzo proveniente dagli Stati Uniti, dove Wine Enthusiast...

Piano Gestione dei Rischi, via libera da Stato-Regioni

01-02-2023 | Normative

Tra le novità del Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura...

Parlamento Ue: interrogazione urgente sull’etichettatura degli alcolici in Irlanda

01-02-2023 | News

Un'interrogazione urgente alla Commissione Ue sull'etichettatura degli alcolici voluta dall'Irlanda...

Usa, calano le vendite dirette delle case vinicole ma cresce il valore delle bottiglie

01-02-2023 | Arte del bere

Le vendite dirette delle cantine americane (direct-to-consumer) sono calate del...

© 2023 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.