News

Li rivela indagine condotta in comunità ultranovantenni in Usa

(ANSA) - WASHINGTON, 4 MAG - Sono i cosiddetti "anziani tra gli anziani" e negli Stati Uniti sono il segmento della popolazione in più forte crescita: gli over-90. E ora, un nuovo studio senza precedenti, racconta alcuni dei segreti di chi arriva a questa età ed oltre. Tra i dati emersi dalla indagine su quasi duemila membri di una comunità di riposo per pensionati in South California, alcuni sono scontati, ma altri sorprendenti: ad esempio se da un lato la ricerca conferma una vita più lunga per chi fa esercizio fisico, lo stesso risultato non appare per quanto riguarda la magrezza. Anzi: l'analisi ha osservato che chi è un po' sovrappeso - ne' obeso ne' magro - sopravvive oltre i 90 più frequentemente. Condotto da Claudia Kawas della University di California, Irvine, lo studio ha confrontato i questionari compilati all'inizio degli anni '80 da 14.000 e più' residenti della comunità di riposo di Laguna Woods con i dati odierni degli stessi residenti sopravvissuti: tutti partecipanti sono stati sottoposti ogni 6 mesi ad esami clinici fisici e cognitivi. Degli originali 14.000 più di 1.600 sono ancora vivi ed hanno girato la boa dei Novanta: "chi ha fatto continuativamente ginnastica anche se per soli 15 minuti al giorno è decisamente vissuto più a lungo - ha commentato Kawas - allo stesso modo chi ha seguito attività sociali, come giochi da tavolo o club di lettura ha evidenziato longevità in aumento". "Per ogni ora trascorsa negli anni '80 dai partecipanti in qualche tipo di attività si è osservato un aumento della durata della vita che non è mai regredito". Nessun effetto-longevità invece dal consumo di vitamine, mentre è stato osservato in relazione all'uso di alcol: le persone che bevevano uno o due bicchieri di vino al di' hanno evidenziato una riduzione dei rischi di morte addirittura del 10-15%. Ma una delle più grandi sorprese è stato scoprire che degli anziani giudicati colpiti dal morbo Alzheimer, addirittura il 40% non aveva la malattia: i sintomi derivavano invece da mini-ictus cerebrali mai diagnosticati.

ANSA 04.05.2014

 

 

Nel Lancashire anche la Chiesa produce il proprio Gin (a fin di bene)

20-11-2018 | Arte del bere

Il Ginnaissance (il Rinascimento del Gin) ha un nuovo -...

Borgogna: asta record di Christie's per l'Hospices de Beaune

19-11-2018 | Estero

Un nuovo record per l’annuale asta curata da Christie’s in...

In aumento le superfici agricole in affitto. Stabili i canoni

19-11-2018 | Studi e Ricerche

In base alla recente diffusione da parte dell’ISTAT dei primi risultati...

Import Usa di prodotti agrifood italiani: secondo Nomisma +6,5% nei prossimi cinque anni

19-11-2018 | News

“Secondo le stime Nomisma, le importazioni statunitensi di prodotti agrifood...

Le dichiarazioni di vendemmia slittano al 15 dicembre

19-11-2018 | Normative

Con il decreto qui allegato, il Ministero delle politiche agricole...

Cordoglio della federazione per la scomparsa di Luigi Rossi di Montelera

17-11-2018 | News

Federvini esprime il suo sentito cordoglio per la scomparsa di...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

Iscriviti alla newsletter di Federvini!

Riceverai una mail per confermare la tua iscrizione.