News

Da ieri operativi nuovi dazi russi per frenare l’import, che mettono i vini italiani in posizione di forte svantaggio

Roma , 5 luglio 2011 - In queste ore il vino italiano si trova ad affrontare le conseguenze di una decisione fortemente discriminatoria assunta da Mosca con preavviso minimo, che potrebbe vanificare tutte le attenzioni che gli operatori nazionali hanno dedicato a quel mercato.

Da ieri operativi nuovi dazi russi per frenare l’import, che mettono i vini italiani in posizione di forte svantaggio

Roma , 5 luglio 2011 - In queste ore il vino italiano si trova ad affrontare le conseguenze di una decisione fortemente discriminatoria assunta da Mosca con preavviso minimo, che potrebbe vanificare tutte le attenzioni che gli operatori nazionali hanno dedicato a quel mercato.

La dogana russa ha infatti modificato il valore minimo (il cosiddetto customs profile) dei vini italiani fissandolo, a partire da lunedì 4 luglio, al livello di 3 dollari per litro (2,12 euro per litro), ovvero circa 1,60 euro per il formato da 0,75 L. Contemporaneamente sono stati fissati anche i valori minimi per i vini francesi e spagnoli al livello di 1,22 EUR al litro, ovvero 0,80 euro per la bottiglia da 0,75 L.

La decisione modifica radicalmente la prassi in uso che non prevedeva un valore minimo per il vino italiano, e vedeva tutti gli importatori dichiarare il costo reale del prodotto.

La decisione di Mosca da’ il via a un nuovo protezionismo su uno dei mercati di sbocco per noi tra i più dinamici”, ha dichiarato il Presidente di Federvini, Lamberto Vallarino Gancia. “Il settore vinicolo italiano è estremamente preoccupato per questa iniziativa che mette i vini nazionali in una posizione di forte svantaggio rispetto ai nostri competitor, Francia e Spagna, alle cui importazioni di vino verranno applicati criteri e valori decisamente più fedeli alla realtà. Questo intervento così pesante, che rappresenta di fatto una barriera per le importazioni di vino italiano in Russia, rischia di colpire un mercato che lo scorso anno è cresciuto del 60% e ha generato un valore annuo superiore ai 100 milioni di euro”. 

 

Ufficio Stampa Federvini - MSL Italia

Elena Zaco             

 

Liv-ex Power 100: tornano in evidenza le etichette classiche, l’Italia regge

27-11-2021 | Arte del bere

L'ultima edizione del Liv-ex Power 100, il sito di scambio...

Riparte l’export agroalimentare Ue: in Usa export trainato da vino, distillati e liquori

27-11-2021 | Trend

Riprendono slancio le esportazioni agroalimentari Ue. Secondo i dati della Commissione...

Patuanelli: la Francia potrebbe fare un passo indietro sul Nutriscore

27-11-2021 | News

"La Francia potrebbe fare un passo indietro rispetto al Nutriscore". Lo...

Trieste: esperienze outdoor tra il mare e il Carso

26-11-2021 | Itinerari

Trieste è una città di mare, ma non solo. Alle...

Il Prosecco rosé più amato dagli inglesi? E’ quello di Kylie Minogue

25-11-2021 | Estero

C'è un Prosecco rosé che ha letteralmente "sbancato" nel Regno...

Craft-mania negli Usa: previsto un balzo per gli alcolici artigianali

25-11-2021 | Trend

Nel 2020 i liquori artigianali negli Stati Uniti hanno incrementato...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.