News

Da ieri operativi nuovi dazi russi per frenare l’import, che mettono i vini italiani in posizione di forte svantaggio

Roma , 5 luglio 2011 - In queste ore il vino italiano si trova ad affrontare le conseguenze di una decisione fortemente discriminatoria assunta da Mosca con preavviso minimo, che potrebbe vanificare tutte le attenzioni che gli operatori nazionali hanno dedicato a quel mercato.

Da ieri operativi nuovi dazi russi per frenare l’import, che mettono i vini italiani in posizione di forte svantaggio

Roma , 5 luglio 2011 - In queste ore il vino italiano si trova ad affrontare le conseguenze di una decisione fortemente discriminatoria assunta da Mosca con preavviso minimo, che potrebbe vanificare tutte le attenzioni che gli operatori nazionali hanno dedicato a quel mercato.

La dogana russa ha infatti modificato il valore minimo (il cosiddetto customs profile) dei vini italiani fissandolo, a partire da lunedì 4 luglio, al livello di 3 dollari per litro (2,12 euro per litro), ovvero circa 1,60 euro per il formato da 0,75 L. Contemporaneamente sono stati fissati anche i valori minimi per i vini francesi e spagnoli al livello di 1,22 EUR al litro, ovvero 0,80 euro per la bottiglia da 0,75 L.

La decisione modifica radicalmente la prassi in uso che non prevedeva un valore minimo per il vino italiano, e vedeva tutti gli importatori dichiarare il costo reale del prodotto.

La decisione di Mosca da’ il via a un nuovo protezionismo su uno dei mercati di sbocco per noi tra i più dinamici”, ha dichiarato il Presidente di Federvini, Lamberto Vallarino Gancia. “Il settore vinicolo italiano è estremamente preoccupato per questa iniziativa che mette i vini nazionali in una posizione di forte svantaggio rispetto ai nostri competitor, Francia e Spagna, alle cui importazioni di vino verranno applicati criteri e valori decisamente più fedeli alla realtà. Questo intervento così pesante, che rappresenta di fatto una barriera per le importazioni di vino italiano in Russia, rischia di colpire un mercato che lo scorso anno è cresciuto del 60% e ha generato un valore annuo superiore ai 100 milioni di euro”. 

 

Ufficio Stampa Federvini - MSL Italia

Elena Zaco             

 

Cina prima al mondo per produzione di uve, all'Italia il primato del vino

21-11-2018 | Studi e Ricerche

La Cina, con 13,7 milioni di tonnellate nel 2017 è...

La produzione alimentare rallenta la crescita. Export: i numeri di vino, spiriti e aceti

20-11-2018 | News

La produzione alimentare ha perso velocità, con un +1,2% su...

Al via le terza Settimana della Cucina Italiana nel Mondo. Dedicata alla Dieta Mediterranea

20-11-2018 | Arte del bere

E' dedicata al tema della Dieta Mediterranea, la terza edizione...

Sulle etichette del vino europeo torna l'origine delle uve

20-11-2018 | News

La Commissione ha rettificato il testo del regolamento sul vino...

Nel Lancashire anche la Chiesa produce il proprio Gin (a fin di bene)

20-11-2018 | Arte del bere

Il Ginnaissance (il Rinascimento del Gin) ha un nuovo -...

Borgogna: asta record di Christie's per l'Hospices de Beaune

19-11-2018 | Estero

Un nuovo record per l’annuale asta curata da Christie’s in...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

Iscriviti alla newsletter di Federvini!

Riceverai una mail per confermare la tua iscrizione.