News

Imprese e sindacati del settore hanno presentato un appello congiunto per la costituzione di una task force dell'Ue sull’ospitalità.

In una lettera inviata ai vertici dell’Unione e alla presidente della Banca centrale europea, i firmatari di 13 associazioni, compreso il Ceev, hanno ricordato gli effetti devastanti del COVID-19 non solo sulla salute dei cittadini ma sulle intere economie del Paesi. 

Schermata 2021 02 22 alle 11.36.55

La pandemia ha colpito duramente tutto il settore dell'ospitalità “con le aziende costrette a chiudere con breve preavviso” per contrastare la diffusione del virus e molti lavoratori costretti a perdere la propria occupazione.

Ciò - è ricordato nella lettera - ha anche portato a un drammatico effetto a catena sui fornitori. “Molti attori nella filiera alimentare come agricoltori, trasformatori, commercianti, grossisti e produttori di alimenti e bevande affrontano gravi difficoltà. Sostenendo milioni di posti di lavoro, questi settori sono costituiti principalmente da PMI e sono organici al funzionamento del settore dell’ospitalità".

Ricordando la necessità di una “riapertura sicura, tempestiva e sostenibile - non appena la situazione epidemiologica lo consentirà - e riconoscendo l'importante ruolo che il turismo e l’ospitalità possono giocare nella ricostruzione delle nostre comunità culturali, sociali ed economiche, le associazioni chiedono l'istituzione urgente di una task force sull'ospitalità in tutte le istituzioni dell’Ue.

La task force dovrebbe avere il compito di valutare l'impatto del COVID-19 sulle imprese e sui posti di lavoro e fornire una road map per la ripresa del settore ricettivo e della sua catena del valore.

Per fornire ai loro settori le basi per tornare alla crescita e contribuire a guidare la ripresa verde i firmatari chiedono che le istituzioni dell’Unione europea e i responsabili politici nazionali diano la priorità alle seguenti aree:

  1. Riconoscimento dell'impatto massiccio e a lungo termine che la crisi COVID e le chiusure hanno avuto sulle aziende in tutta la catena del valore dell'ospitalità. Allo stesso modo, il riconoscimento dell'enorme potenziale che questi settori hanno per rilanciare l’economia. Aiutando il settore a rimanere attivo, allontanandosi progressivamente dal semplice sostegno alle chiusure. 
  2. Occorre chiarezza quanto prima su quando e in quali condizioni l'ospitalità potrà riaprire, per garantire tempo sufficiente per effettuare i necessari approvvigionamenti e adattarsi a eventuali misure aggiuntive. L'imprevedibilità finora affrontata ha generato un'enorme incertezza per tutti quanti sono coinvolti lungo la filiera.
  3. Supporto finanziario e politico dedicato alla catena del valore dell'ospitalità, affrontando entrambi i bisogni immediati e a lungo termine. Molte aziende nel settore dell'ospitalità sono a rischio collasso, con un potenziale effetto domino sulle industrie fornitrici lungo la catena. Anche i regimi di compensazione salariale devono essere estesi fino alla fine di questa crisi per proteggerne il maggior numero di persone.

Regno Unito: le accise sull'alcool potrebbero essere radicalmente riviste

21-10-2021 | Estero

Il Sunday Times ha reso noto che il cancelliere del...

Carenza di camerieri? Il Giappone li rimpiazza con i robot

20-10-2021 | Estero

Come molti paesi, il Giappone soffre attualmente di una carenza...

Il futuro delle enoteche: mercato, turismo e digitalizzazione

20-10-2021 | Arte del bere

A Vinitaly Special Edition 2021 arriva forte e chiaro il...

DG Grow lancia una survey su norme Ue, Iva e accise. Ecco come partecipare

20-10-2021 | News

La DG Grow ha lanciato un'indagine sulle esigenze, le esperienze...

Farm to Fork, De Castro: passi avanti su tracciabilità e sostenibilità

20-10-2021 | News

"Adesso possiamo dirlo, il Parlamento rimette al centro della Strategia...

Vini DOC e DOCG Frascati superiore verso la modifica temporanea dei disciplinari di produzione

20-10-2021 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 19 ottobre 2021 è stata...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.