News

Con una nota della Direzione Generale Agricoltura e Sviluppo Rurale (DG AGRI), la Commissione europea ha fornito un primo importante chiarimento sugli usi nell’etichettatura e presentazione dei vini del termine “naturale” riferito al vino o al metodo di produzione, com’è il caso di “vin méthode nature”.

A parere della Commissione europea, allo stato attuale, tali usi sono contrari al diritto dell’UE perché ingannevoli nei confronti del consumatore.

Le motivazioni alla base della posizione assunta da DG AGRI sono:

  1. Conformità di un tale prodotto alla disciplina vitivinicola dell’UE;
  2. Conformità di una tale informazione al consumatore alla disciplina UE.

Sul primo punto, secondo la DG AGRI il termine “vino naturale” non è definito dalla disciplina europea, né è incluso nella lista delle categorie di prodotti vitivinicoli di cui all’allegato VII, parte II, del regolamento UE n. 1308/2013. Allo stesso tempo, ai sensi dell’articolo 80 del regolamento UE n. 1308/2013, le pratiche enologiche autorizzate sono impiegate per consentire una buona vinificazione, una buona conservazione o un buon affinamento dei prodotti: esse preservano le caratteristiche naturali ed essenziali del vino, garantendone la composizione da modifiche sostanziali. Pertanto, un prodotto vitivinicolo può essere commercializzato come “vino naturale” se rientra nella definizione di una delle richiamate categorie di prodotti vitivinicoli e se è stato ottenuto in conformità alle disposizioni sulle pratiche enologiche autorizzate, senza alcuna distinzione su quali particolari pratiche sono intervenute nel processo produttivo.

Sul secondo punto, la DG AGRI ha indagato la coerenza di una tale informazione al consumatore con le disposizioni del regolamento UE n. 1308/2013 in materia di informazioni facoltative (articolo 120) e, in particolare, con le disposizioni del regolamento UE n. 1169/2011 in materia di informazioni volontarie (articolo 36). In entrambi i casi, l’informazione non deve essere ingannevole, così come richiesto dall’articolo 7 dal richiamato regolamento UE n. 1169/2011. Per la Commissione, quando una tale informazione – “vino naturale” o “vin méthode nature” – spinge il consumatore a ritenere che il prodotto così designato abbia una qualità o salubrità superiore rispetto ad un altro vino che non riporta la medesima dicitura, suggerendo una differenza sostanziale nella sua composizione e natura, allora tale informazione è potenzialmente ingannevole e, quindi, contraria alle richiamate disposizioni del diritto UE.

La Commissione ha anche sottolineato che è sua intenzione monitorare, con l’aiuto degli Stati membri, gli usi correnti sul mercato di tali indicazioni.

Accordo di libero scambio Ue-Nuova Zelanda

05-07-2022 | Estero

Quattro anni dopo l'inizio delle trattative, Il 30 giugno scorso...

Più estero nella edizione di ottobre della Milano Wine Week

05-07-2022 | Arte del bere

La Milano Wine Week annuncia le date della nuova edizione...

International Wine Tour per conoscere le strategie di accoglienza delle aziende vitivinicole straniere

05-07-2022 | Trend

Negli ultimi due anni, grazie all’Italian Wine Tour, l’iconico camper...

Il Consorzio Vini d'Abruzzo primo a ottenere la certificazione di sostenibilità integrata "SI rating"

05-07-2022 | Arte del bere

Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo - che raggruppa oltre 200 produttori...

L’Alaska cambia le regole sulle licenze alcoliche

05-07-2022 | Estero

L'Alaska cambia le regole sulle licenze alcoliche. La nuova legislazione...

L’84% delle aziende vinicole ha certificazione di sostenibilità (ma lo comunica poco)

05-07-2022 | Studi e Ricerche

 L'84% delle aziende italiane del vino presenta almeno una certificazione...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.