News

Anche il Portogallo ha adottato il Nutriscore, l’etichettatura “a semaforo”. Il Portogallo è diventato l'ottavo Paese europeo ad adottare l’etichetta, introdotta per la prima volta in Francia nel 2017, che classifica gli alimenti in base al loro valore nutrizionale: va da A-verde, indicando il grado più sano, a E-rosso, indicando l'alimento squilibrato nutrizionalmente, parametrato su una porzione standard.

L’algoritmo che calcola i valori nutrizionali ha subito una revisione alla fine del 2023 per includere parametri più rigorosi sui prodotti lattiero-caseari e sui cereali per la colazione, mentre l’olio d’oliva e altri grassi di origine vegetale sono classificati più in alto rispetto alla versione precedente.

L’ordinanza del governo lusitano incarica la Direzione Generale della Salute nazionale di definire, entro 120 giorni, il processo di adozione del sistema, compresi l’iter procedurale per gli operatori economici e una campagna di comunicazione dedicata.

La norma era stata approvata il 22 marzo dalla precedente amministrazione portoghese, guidata dal Primo Ministro socialista António Costa, e pubblicato il 4 aprile.

Stupore e perplessità hanno accolto in Italia la decisione portoghese, che viene dopo quella spagnola. Due paesi alfieri della dieta mediterranea.

“Auspichiamo che il governo portoghese torni sui propri passi. E restiamo fiduciosi - auspica Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura - che le Istituzioni Ue prendano finalmente posizione scegliendo un sistema di comunicazione dei valori nutrizionali che non tenga conto solo dei componenti ma che faccia riferimento anche al consumo equilibrato e responsabile, fattore alla base della Dieta Mediterranea”.

“Noi non consideriamo il Nutriscore solo un problema per gli italiani e le aziende italiane, ma per il benessere della popolazione mondiale, perché è un indirizzo completamente sbagliato” ha commentato a sua volta il ministro dell’Agricoltura Lollobrigida. 

La Cina minaccia nuovi dazi sui prodotti europei, nel mirino anche i vini

22-05-2024 | News

La Cina potrebbe prendere di mira le esportazioni di vino...

Brasile, alluvioni devastanti mettono in ginocchio i vigneti del Rio Grande do Sul

21-05-2024 | Estero

Il Rio Grande do Sul è stato colpito da abbondanti...

"Manifesto" delle aziende vinicole europee: 6 priorità per garantire la sostenibilità del settore

21-05-2024 | News

Il Comitato Europeo delle Aziende Vinicole (Ceev) ha pubblicato oggi...

Australia conferma l'aumento delle accise sugli alcolici anche nel 2025

21-05-2024 | Estero

Durante la presentazione del Bilancio Federale per il 2024-2025, il...

Consultazione nel Regno Unito su 60 leggi relative ad alimentari e bevande ereditate dalla Ue

21-05-2024 | Estero

I governi del Regno Unito, della Scozia, dell'Irlanda del Nord...

Whisky: produttori scozzesi e Usa uniti contro il rischio di ripristino dei dazi

21-05-2024 | News

Tra ottobre 2019 e marzo 2021, i produttori di Single...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.