News

La riforma della Pac rischia di non avere l'effetto sperato sul settore vitivinicolo. La filiera guarda con estrema attenzione la proposta di modifica del Regolamento n. 1308/2013, che include le disposizioni che regolano il mercato del vino, in particolare il sistema delle autorizzazioni agli impianti viticoli.

Nella proposta della DG Agri, le organizzazioni hanno apprezzato qualche primo segnale di flessibilità tuttavia non lo ritengono sufficiente, in quanto l’attuale regime non consente la crescita delle dimensioni delle aziende italiane e non risponde alle esigenze del settore, tenuto conto che il vigneto nel suo complesso è tendenzialmente in declino. La filiera ha presentato al Ministero delle Politiche Agricole alcune proposte di miglioramento del regime, in primis l’istituzione di una riserva nazionale delle autorizzazioni, con l’obiettivo di evitare la perdita del potenziale viticolo, di recuperare i diritti di impianto in scadenza e le autorizzazioni non utilizzate a favore delle imprese più dinamiche, allo scopo di veder aumentare la superfice media aziendale, quale elemento imprescindibile di competitività.

Nonostante l'impegno delle istituzioni italiane le proposte di modifica del Regolamento OCM, così come emendate dai lavori del Consiglio, non vedono accolte le richieste italiane. Per questo motivo i rappresentanti della filiera hanno inviato una lettera al ministro delle Politiche Agricole Centinaio in cui chiedono di rinnovare gli sforzi per ottenere le modifiche richieste. 

"L’Italia - si legge nella missiva - è il primo produttore di vino a livello mondiale e uno dei maggiori esportatori. L’Unione Europea ha convenienza ad assicurare un quadro giuridico adeguato, flessibile e in sintonia con le esigenze del mondo produttivo". 

Al di là degli sviluppi dell’incerto negoziato sul futuro della Politica Agricola Comune, le organizzazioni ritengono fondamentale, già in questa fase, "un progresso su questo sensibile tema, in mancanza del quale il settore del vino non potrà sostenere l’esito della riforma. Lo status quo è del tutto inaccettabile e l’UE deve assumere un impegno preciso nell’accogliere i miglioramenti auspicati, nell’ottica di una maggiore flessibilità e funzionalità delle regole europee".

Qui il testo integrale della lettera, firmata da Federvini, Uiv, Federdoc, Confagricoltura, Cia, Assoenologi, Alleanza delle Cooperative italiane - Agroalimentare. 

 

Dazi Usa: tre strategie per gli spiriti italiani

23-02-2020 | News

Il 14 febbraio l’amministrazione Usa ha confermato i dazi del...

Il monopolio svedese Systembolaget chiede un'ammenda di 3 milioni di corone alla app Vivino

22-02-2020 | News

Il monopolio svedese dell'alcool, Systembolaget, ha comminato alla società di...

Onav si apre alle etichette non convenzionali: verso un corso sui vini "anarchici"

21-02-2020 | Trend

Una definizione forte per una tematica di grande attualità, la...

Monopolio del Quebec troppo rigido sui prezzi: Comitè Vins e Spirits Europe chiedono più flessibilità

21-02-2020 | Estero

Il monopolio della provincia canadese del Quebec, SAQ, sta imponendo...

A Santhià (VC) va in scena il Carnevale più antico del Piemonte

21-02-2020 | Itinerari

Grandiosi corsi mascherati, veglioni danzanti,bande, gruppi storici e appuntamenti enogastronomici:...

Scompare Augusto Reina: grazie a lui tutti al mondo conoscono l’Amaretto di Saronno

20-02-2020 | News

È mancato ieri sera Augusto Reina, storico protagonista del mondo...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection