Itinerari

Federvini consiglia i posti da visitare e gli itinerari da seguire per apprezzare ogni sfumatura dello stile di vita mediterraneo.

Venerdì, 21 Settembre 2018

Tra Inghilterra e Galles nasce la via del whisky

di Francesca Liistro

Tra Inghilterra e Galles si snoda la nuova Strada del Whisky, lanciata per promuovere la rinascita delle distillerie a sud del confine gallese. Dalle profondità della Cornovaglia alle colline del Galles settentrionale e al Lake District, l'Inghilterra e il Galles hanno ora almeno 19 distillerie note per la produzione di whisky. La Wine & Spirit Trade Association (WSTA) ha così mappato i distillatori di whisky inglesi e gallesi e raccolto informazioni su cui sulle distillerie aperte ai visitatori. Il lancio del nuovo sentiero arriva nel mezzo del boom per gli alcolici artigianali in Regno Unito e Scozia, in un periodo che ha registrato anche un numero record di turisti di whisky.

L'Inghilterra e il Galles, a differenza della Scozia o dell'Irlanda, non sono rinomati per la produzione di whisky. Ma almeno quattro distillerie erano operative già alla fine del XIX secolo, secondo la WSTA, tra cui: la Lea Valley Distillery a Londra, la Bristol Distillery e la Bank Hall e le distillerie di Vauxhall, entrambe a Liverpool. "La Gran Bretagna ora vanta 315 distillerie – dichiara Miles Beale, amministratore delegato della WSTA –, più del doppio del numero che operava in tutto il paese cinque anni fa. Possiamo tranquillamente affermare che il crescente numero di distillerie è un buon segno e abbiamo assistito a un'ondata di nuovi entusiasmanti progetti di distilleria sia in Galles che in Inghilterra". Tuttavia, il whisky inglese e gallese dovrà lavorare sodo per rivaleggiare con la reputazione di quelli a nord del confine scozzese.

Lo scorso mese, la Scotch Whisky Association (SWA) ha registrato un record di 1,9 milioni di visite turistiche alle distillerie scozzesi nel 2017, in aumento del 11,4% rispetto al 2016. La maggior parte dei visitatori provenivano dalla Germania e dagli Stati Uniti, oltre che dall'India, dalla Cina e dal Giappone. I visitatori hanno speso collettivamente 60,9 milioni di sterline (pari a circa 60 milioni di euro) presso le distillerie di whisky scozzese lo scorso anno, con un aumento del 15,6% rispetto al 2016, secondo quanto riferito dallo SWA.

Ecco la mappa delle distillerie segnalate dalla Strada del Whisky:

english-whisky-trail-wsta.jpg

 

Parco agrisolare: pubblicata la versione aggiornata del Regolamento operativo

24-09-2022 | Normative

È pubblicata sul sito del Ministero delle politiche agricole alimentari...

Al via il bando per lo sviluppo della logistica agroalimentare

24-09-2022 | News

Cinquecento milioni per lo sviluppo della logistica agroalimentare, a favore...

Tutti gli appuntamenti di Acetaie Aperte 2022

23-09-2022 | Itinerari

Ancora poche ore e poi sarà Acetaie Aperte 2022, il...

Agricoltura: imprese giovani sempre più digitalizzate, multifunzionali e competitive ma ancora troppo poche

23-09-2022 | Trend

L’Italia è tra i paesi che maggiormente contribuiscono all’invecchiamento della...

Dalla Conferenza Mondiale dell'Enoturismo ecco le tendenze dei nuovi wine-lovers

23-09-2022 | News

La sesta edizione della conferenza mondiale promossa dalla World Tourism Organization...

Brad Pitt lancia una linea cosmetica con i derivati di lavorazione del vino

23-09-2022 | Trend

Brad Pitt ha lanciato una linea di trattamenti per la...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.