Itinerari

Federvini consiglia i posti da visitare e gli itinerari da seguire per apprezzare ogni sfumatura dello stile di vita mediterraneo.

Riale, in Val Formazza, è il comune più settentrionale del Piemonte, una gemma incastonata a 1780 metri fra le Alpi Lepontine e a pochissimi chilometri dalla Svizzera. È un luogo ancora relativamente poco conosciuto, totalmente immerso nella natura, circondato da montagne, ghiacciai, laghi a oltre 2000 metri, rifugi (come il rifugio 3 A situato a circa 3000 metri), dighe maestose, passi alpini come quello del Gries, che veniva percorso nel Medioevo dalle popolazioni locali a scopi commerciali per trasportare le merci da Milano a Berna. Nel 1852, invece, fu attraversato dal compositore tedesco Richard Wagner, diretto in Italia per un viaggio alla scoperta del Paese.

A pochi passi da Riale si trova l’imponente Cascata del Toce che con i suoi 150 metri è la cascata con il salto più alto d'Europa, sicuramente tra le bellezze naturali italiane tutte da scoprire e che nel tempo ha conquistato personaggi illustri come Richard Wagner, Gabriele D'Annunzio, la Regina Margherita, De Saussure e Stoppani. In cima alla cascata vi è lo storico albergo del 1863 in stile decò che visse la bell'epoque del turismo alpino di inizio secolo.

Particolarmente affascinanti sono poi gli insediamenti Walser ancora presenti in zona. I walser sono una popolazione di origine vallese che nel 1200 si avventurò oltre la Svizzera per colonizzare questo lembo di terra. Una cultura molto particolare che influenza ancora tradizioni e costumi del territorio.

 Il tesoro gastronomico di Riale e della Val Formazza è senza alcun dubbio il Bettelmatt, un formaggio a pasta semi cotta che si ottiene dalla lavorazione di latte vaccino intero crudo, che viene stagionato almeno due mesi. Si tratta di uno dei più rari formaggi italiani, definito "eroico" perché prodotto esclusivamente da 8 produttori nei 7 alpeggi estivi presenti in queste vallate e situati sopra i 2000 metri, per una produzione di nicchia che si aggira intorno alle 5.600 forme all'anno. Da alcuni viene anche definito “la rolls royce dei formaggi”proprio perché la sua scarsa disponibilità lo rende ancora più ambito e ricercato. L’origine del Bettelmatt risale al XIII secolo, quando la popolazione Walser scese dal nord a colonizzare la fascia subalpina; il formaggio veniva usato per pagare i canoni d’affitto, le tasse e per fare beneficenza. “Bettel” infatti nella lingua walser significa questua, beneficenza e “matt” significa pascolo; l’unione dei due termini, quindi, indica “pascolo della questua”.Nonostante, visti i numeri, sia un formaggio di nicchia, vanta molti estimatori anche all'estero, dal Giappone agli Stati Uniti e in Germania in particolar modo.

 

È italiano, nel cuore di Hong Kong, il miglior bar dell’Asia

22-07-2024 | Arte del bere

Parla italiano il miglior bar asiatico. Asia's 50 Best Bars...

Daikiri day, il 19 luglio si celebra il cocktail amato da Hemingway

17-07-2024 | Arte del bere

Il 19 luglio si celebra il Daiquiri Day: una ricorrenza...

Il settore vitivinicolo chiede un piano europeo per garantire la sua sostenibilità futura

17-07-2024 | News

Le Associazioni di rappresentanza della filiera vitivinicola di Italia, Spagna...

Oms presenta il documento di discussione sulla etichettatura delle bevande alcoliche

16-07-2024 | News

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha presentato un importante documento...

CsC: nel secondo trimestre investimenti ed export decollano

16-07-2024 | Studi e Ricerche

Secondo un'analisi del Centro Studi Confindustria, nel secondo trimestre del...

Please publish modules in offcanvas position.