L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

L'assenzio di Pontarlier ha ottenuto l'etichetta di indicazione geografica per gli alcolici, premiando un know-how di due secoli per questo alcol della Francia orientale, come annunciato lunedì alla Commissione europea. Il nuovo nome si unirà alle 238 indicazioni geografiche di bevande spiritose già registrate a livello dell'Unione Europea.

Assenzio, la fata verde. La Commissione sottolinea che molti testi evocano "l'elisir di assenzio nella regione di Pontarlier" già nel XVIII secolo. "Questa attività cresce fino a raggiungere i 66.000 litri al giorno nel 1914. L'assenzio Pontarlier viene quindi esportato in tutto il globo e il mondo artistico parigino dell'epoca è molto coinvolto nell'entusiasmo intorno a questa bevanda", ricorda l'esecutivo dell'UE in una dichiarazione. Poi tra il 1921 e il 1988, la Francia ha vietato le bevande all'anice contenenti assenzio. La fine del divieto è sinonimo di rinascita della produzione della pianta e della bevanda nella regione di Pontarlier.

Produzione limitata. L'indicazione geografica definisce l'assenzio di Pontarlier come "uno spirito limpido, giallo chiaro, dallo spirito verde" il cui livello di alcol quando immesso sul mercato "è maggiore o uguale al 45%" e la produzione è limitata a un numero di comuni nel dipartimento del Doubs, al confine con la Svizzera. Secondo il regolamento europeo, l'indicazione geografica "indica che la bevanda spiritosa proviene dal territorio di un paese, quando una qualità, una reputazione o altre caratteristiche della bevanda spiritosa possono essere attribuite essenzialmente a questa origine geografica".

 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection