L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Il nome è evocativo: «Terregiunte-Vino d’Italia». E indica l'inedito abbraccio tra le produzioni vinicole di Veneto e Puglia. Un blend tra Amarone e Primitivo. L’Amarone è il Costasera Amarone della Valpolicella Classico 2016, prodotto da Masi Agricola, il Primitivo è Raccontami, il Primitivo di Manduria 2016 prodotto dall'azienda vinicola Futura14 del giornalista Bruno Vespa.

A questo blend hanno lavorato mani sapienti: Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi, e Andrea Dal Cin, wine-maker di Masi Agricola. Dalla loro inedita alchimia, facendo ricorso a un prolungato affinamento in piccole botti di rovere e al riposo in bottiglia, è emerso un rosso rubino profondo.

«Nel 2015 avevo in mente questa idea un po' pazza - spiega Vespa - ne parlai con Cotarella che trovò il progetto praticabile. Poi ci chiedemmo a chi proporre un'innovazione così coraggiosa. Bisognava scegliere un partner serio e affidabile. Il primo della lista era Sandro Boscaini (presidente di Masi Agricola e di Federvini, ndr). E finita che il principe azzurro, l'Amarone di Masi, ha accettato di sposare Cenerentola, il Primitivo della mia famiglia».

«L'idea è venuta a Vespa. Quando me ne ha parlato la prima volta l'ho presa come una provocazione. Poi come una grande opportunità per l’Italia - racconta Boscaini -. Nel nostro Paese abbiamo tantissimi prodotti con denominazioni diverse, ma il 

"vino d’Italia" è inteso purtroppo come vino da tavola. Così nel 2016 abbiamo deciso di dare inizio a questa nuova avventura, con la volontà di esprimere in sintesi l'eccellenza del vino italiano».

Per questa inedita unione è stata scelta un'etichetta “doppia”: due territori e due soli capovolti, uno calmo e riservato al Nord, l'altro rovente e vibrante al Sud, illuminano la cupola di Marano di Valpolicella e la Torre Burraco di Manduria. 

Teatro con cena ispirata all’antica Grecia nella Valle dei Templi

04-08-2022 | Itinerari

Continua anche quest'anno a Le Stoai, nella Valle dei Templi, il Simposio...

Vademecum vendemmiale Icqrf per la campagna vitivinicola 2022-2023

02-08-2022 | Normative

In occasione della campagna vitivinicola 2022-2023 è stato pubblicato sul...

Volo in ritardo o cancellato? A Londra c’è il vino di “supporto emotivo”

02-08-2022 | Arte del bere

Sebbene non possa compensare del tutto lo stress di un...

La crisi sui dazi cinesi fa crollare le esportazioni di vino australiano di 2,08 miliardi di dollari

02-08-2022 | News

Secondo l'ultimo rapporto sulle esportazioni di Wine Australia, il valore...

Ue: l’export di vino europeo +12% nei primi cinque mesi 2022

29-07-2022 | News

La Commissione UE ha rilevato i primi impatti dell'invasione russa...

Aceto “balsamico” sloveno, la Farnesina pensa al ricorso presso la Corte di Giustizia Ue

28-07-2022 | News

  La vicenda dell' aceto 'balsamico' sloveno potrebbe finire presto alla...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.