L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Il nome è evocativo: «Terregiunte-Vino d’Italia». E indica l'inedito abbraccio tra le produzioni vinicole di Veneto e Puglia. Un blend tra Amarone e Primitivo. L’Amarone è il Costasera Amarone della Valpolicella Classico 2016, prodotto da Masi Agricola, il Primitivo è Raccontami, il Primitivo di Manduria 2016 prodotto dall'azienda vinicola Futura14 del giornalista Bruno Vespa.

A questo blend hanno lavorato mani sapienti: Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi, e Andrea Dal Cin, wine-maker di Masi Agricola. Dalla loro inedita alchimia, facendo ricorso a un prolungato affinamento in piccole botti di rovere e al riposo in bottiglia, è emerso un rosso rubino profondo.

«Nel 2015 avevo in mente questa idea un po' pazza - spiega Vespa - ne parlai con Cotarella che trovò il progetto praticabile. Poi ci chiedemmo a chi proporre un'innovazione così coraggiosa. Bisognava scegliere un partner serio e affidabile. Il primo della lista era Sandro Boscaini (presidente di Masi Agricola e di Federvini, ndr). E finita che il principe azzurro, l'Amarone di Masi, ha accettato di sposare Cenerentola, il Primitivo della mia famiglia».

«L'idea è venuta a Vespa. Quando me ne ha parlato la prima volta l'ho presa come una provocazione. Poi come una grande opportunità per l’Italia - racconta Boscaini -. Nel nostro Paese abbiamo tantissimi prodotti con denominazioni diverse, ma il 

"vino d’Italia" è inteso purtroppo come vino da tavola. Così nel 2016 abbiamo deciso di dare inizio a questa nuova avventura, con la volontà di esprimere in sintesi l'eccellenza del vino italiano».

Per questa inedita unione è stata scelta un'etichetta “doppia”: due territori e due soli capovolti, uno calmo e riservato al Nord, l'altro rovente e vibrante al Sud, illuminano la cupola di Marano di Valpolicella e la Torre Burraco di Manduria. 

A Nuova Delhi nasce l'oxygen bar, un sorso di ossigeno contro l'inquinamento

18-11-2019 | Estero

Come ottenere un po' di ristoro nella città più inquinata...

Venezia: l'acqua alta "salva" le vigne

18-11-2019 | News

Nella laguna di Venezia l'acqua alta sembra aver finora risparmiato...

Relais&Chateaux in Italia sceglie dimore legate al mondo del vino

15-11-2019 | Trend

Entrambe le due new entry italiane nella catena Relais&Chateaux per...

Dazi Usa: risoluzione bipartisan alla Camera per la tutela delle aziende

15-11-2019 | News

La Commissione Agricoltura della Camera dei deputati ha approvato, con...

A lezione di cucina nel Castello di Padernello

15-11-2019 | Itinerari

Lezioni di cucina per trasformare in ricette deliziose gli scarti...

Al via le tappe estere del progetto europeo “Enjoy European Quality Food”

14-11-2019 | News

Dopo la conferenza stampa di inaugurazione di Milano lo scorso...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection