News

Purtroppo lo scenario politico-economico temuto si sta concretizzando. La Commissione europea ha approvato ieri la decisione per imporre dazi addizionali sulla lista di prodotti americani già notificata all'Organizzazione Mondiale del Commercio, come parte della risposta dell'Ue ai dazi degli Stati Uniti su acciaio e alluminio. I rappresentanti degli Stati dovranno il 17 giugno confermare (o respingere) la decisione e votare la lista. Ma è prevedibile che confermeranno. Le procedure per l'imposizione dei dazi addizionali dovrebbero concludersi entro la fine del mese ed entrare in vigore il 1° luglio. "I nuovi dazi inizieranno a applicarsi in luglio", ha spiegato il vicepresidente della Commissione, Maros Sefcovic, annunciando la decisione del collegio. Il valore delle importazioni americane su cui l'Ue intende esercitare immediatamente il suo diritto a applicare contromisure ammonta a 2,8 miliardi di euro. Ora il prossimo passo tocca agli stati membri. Le previsioni fanno pensare che la lista sarà approvata senza eccezioni e il timore è per la prossima mossa di Trump: si siederà al tavolo del confronto o rilancerà con nuovi dazi? E in questo caso, aumenterà quelli già adottati o colpirà nuovi settori?

"Abbiamo imboccato una strada commerciale molto pericolosa – sottolinea Micaela Pallini, presidente Gruppo Spiriti di Federvini e amministratore delegato di Pallini –, soprattutto perché gli Stati Uniti sono il nostro primo mercato di destinazione. Per gli spirits italiani, in particolare, se le ritorsioni dovessero coinvolgerli sarebbe molto grave. Anche perché non godono di alcuna protezione dal punto di vista di denominazione e quindi Sambuca, Amaretto, Limoncello ecc. potrebbero essere riprodotti negli Usa". 

Gli Stati Uniti, per un valore nel 2017 pari a 4,03 miliardi di euro, coprono oltre il 10% dell’intero valore agroalimentare italiano esportato. In particolare, sono il mercato n.1 e a più alto valore aggiunto sia per vini che per spiriti.

"Il pericolo – prosegue Pallini – è che si aprano altri fronti di scontro o che il braccio di ferro si allarghi ad altri Paesi. L'Europa, e in particolare l'Italia, si troverebbero strette tra Usa e Asia. Dovremmo costruire dei ponti a Est e Ovest, invece di innalzare muri. Spero che il Governo scongiuri questo pericolo e riesca a far prevalere la diplomazia".

 

 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection