News

Il Comitato Europeo delle Aziende Vinicole (Ceev) ha pubblicato oggi il suo Manifesto, che descrive lo stato attuale del settore vinicolo dell'Ue e identifica le soluzioni da mettere in atto per un approccio coerente e integrato da intraprendere con il nuovo mandato dell'Unione al fine di garantire un futuro prospero.

"Gli eventi meteorologici estremi imprevedibili, l'inflazione, l'aumento dei costi di produzione, l'incertezza geopolitica, la demonizzazione delle bevande alcoliche... il settore vinicolo dell'Ue sta affrontando una serie di sfide strutturali e congiunturali che mettono in pericolo la sua sostenibilità a lungo termine", ha dichiarato Mauricio González-Gordon, Presidente del Ceev. "Il settore vinicolo dell'Ue apporta significativi benefici alla nostra società, quindi è il nostro patrimonio, le nostre aree rurali e la loro economia che sono a rischio!" ha aggiunto.

Con 3 milioni di posti di lavoro diretti, un impatto fiscale positivo di 52 miliardi di euro e un valore di mercato superiore a 100 miliardi di euro, il settore vinicolo rimane una pietra angolare dell'economia europea, in particolare nelle aree rurali dove svolge un ruolo cruciale nel combattere lo spopolamento. Tuttavia, nonostante la sua importanza economica, le sfide climatiche, normative e sociali rappresentano significativi ostacoli alla sostenibilità del settore e ne mettono a rischio il futuro.

In risposta a queste pressanti questioni, il settore vinicolo ha identificato sei priorità strategiche volte a promuovere la resilienza, l'innovazione e la crescita sostenibile:

  1. Rafforzare la Politica Agricola Comune (Pac) orientatandola al mercato per aumentare la competitività e ridurre la complessità amministrativa.
  2. Conciliare tradizione e innovazione nella legislazione dell'Ue per adattare i prodotti vinicoli alle nuove aspettative, domande e tendenze dei consumatori, preservando al contempo la cultura del vino.
  3. Supportare la resilienza climatica e la transizione verde definendo i principi della produzione vinicola sostenibile, prioritizzando le misure di mitigazione e riconoscendo i servizi ecosistemici.
  4. Rafforzare il Mercato Unico dell'Ue e ridurre i costi di marketing armonizzando completamente le normative, promuovendo la digitalizzazione e facilitando il commercio elettronico per le aziende vinicole.
  5. Mantenere una strategia commerciale ambiziosa per espandere l'accesso al mercato, affrontare le barriere commerciali e proteggere i prodotti vinicoli da dispute commerciali non correlate.
  6. Adottare una politica sanitaria dell'Ue coordinata, pragmatica e basata sulla scienza che differenzi tra consumo moderato di vino e abuso di alcol e promuova dialoghi costruttivi.

"Abbiamo bisogno di un approccio coerente al vino nell'arena politica per aggiornare le leggi e difenderci dagli attacchi ingiusti alla nostra cultura del vino. Solo così possiamo garantire la forza duratura del settore vinicolo europeo e continuare a offrire una diversità, un patrimonio e un'eccellenza senza pari in ogni bottiglia", ha dichiarato Ignacio Sánchez Recarte, Segretario Generale del Ceev. "Il nostro Manifesto include una serie di proposte concrete per salvaguardare il nostro ricco patrimonio, promuovere una crescita sostenibile e garantire un futuro prospero per il vino europeo", ha sottolineato.

Fonte: European wine companies’ Manifesto on the future of the EU wine sector – key challenges and priorities for the new EU mandate - CEEV

Alla scoperta dei sapori di Trapani: un viaggio enogastronomico dal mare alla valle del Belice

13-06-2024 | Itinerari

Un viaggio enogastronomico nella provincia di Trapani è un'esperienza che...

Masaf: deroga al 3% per la ristrutturazione dei vigneti nelle aree colpite da peronospora

13-06-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Vent’anni di export: la corsa di vino e spirits sui mercati internazionali

12-06-2024 | News

Negli ultimi anni, il panorama mondiale dell'export di vino e...

In dono ai Capi di Stato del G7 l’Atlante del patrimonio agroalimentare italiano

12-06-2024 | News

In occasione del prossimo G7, il governo italiano ha deciso...

Usa, indagine sulle sovvenzioni cinesi ai produttori di bottiglie

12-06-2024 | Estero

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha stabilito in...

No Binge: premiato il progetto dell’Università di Verona

11-06-2024 | News

Ancora un successo per “No Binge – Comunicare il consumo responsabile”, il...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.