News

Bevande alcoliche ancora una volta nel mirino. Seppur con un obiettivo nobile e condivisibile - tutelare i minori - il Belgio rischia di approvare una norma che potrebbe porre serie limitazioni alla comunicazione delle bevande alcoliche. E non solo, perché la normativa proposta lascerebbe spazi di interpretazione che la renderebbero molto più restrittiva degli “health alerts” approvati dall’Irlanda. Oltre a minare la compattezza del mercato comune.

Ecco in breve di che si tratta. Il Regno del Belgio ha notificato il 19 gennaio scorso alla Commissione europea nel quadro della cosiddetta procedura Tris, il Regio decreto sulla pubblicità delle bevande contenenti alcool (2024/0032/BE). In pratica verrebbe vietata la pubblicità di bevande alcoliche (tutte quelle con una percentuale di alcol superiore allo 0,5%) su tutti i mezzi di comunicazione, fisici e digitali, destinati principalmente ai minori. Così come la distribuzione gratuita di bevande alcoliche a fini promozionali, fatta eccezione per le degustazioni.

Inoltre, con lo schema di decreto il Governo belga intende introdurre l’obbligo di indicare un messaggio di avvertenza sanitaria nella pubblicità di bevande alcoliche, prescrivendo che solo il messaggio che sarà individuato dal ministero della Salute belga potrà essere impiegato a tal fine.

Se è pienamente condivisibile la necessità di incoraggiare il consumo responsabile e di vietare la pubblicità delle bevande alcoliche ai minori, occorre sottolineare le potenziali conseguenze della normativa per il settore.

Non si può infatti escludere che il testo vada oltre gli obiettivi annunciati dalle Autorità belghe e causi incertezza giuridica con un rischio di frammentazione del mercato unico che potrebbe in ultima analisi causare restrizioni quantitative all’importazione.

Di fatto la definizione di “pubblicità” utilizzata nel testo del decreto è alquanto ampia e rischia di rendere pressoché sconfinato il campo di applicazione della norma: anche un’etichetta o elementi tipici della presentazione di una bevanda alcolica potrebbero rientrare nella definizione di pubblicità e, quindi, essere obbligati a riportare il messaggio sulle avvertenze sanitarie.

Inoltre la decisione esclusiva da parte del ministero sulla formulazione dell’avvertenza sanitaria impedirebbe il ricorso a qualsiasi altro messaggio equivalente.

L’iniziativa belga potrebbe infine aprire la strada ad altre normative nazionali in contrasto con la libera circolazione all’interno del mercato europeo.

Verifood, l’AI in aiuto per tutelare i marchi Dop e Ig

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Un sistema di ricerca automatica sul web per scoprire usurpazioni...

Rapporto Ismea sull’innovazione vitivinicola: soluzioni agritech e agricoltura digitale

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Le incertezze del quadro economico e geopolitico mondiale, tra crisi...

L’Italia contro il decreto belga sulla pubblicità delle bevande alcoliche

18-04-2024 | News

Federvini accoglie con favore la tempestiva azione del Governo, annunciata...

Rentri: disponibile ambiente Demo per avvicinare gli utenti ai nuovi obblighi

18-04-2024 | Normative

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (Mase) ha attivato...

Pnrr e taglio dei tassi trainano una crescita moderata ma costante

18-04-2024 | Studi e Ricerche

Secondo un'analisi del centro studi di Confindustria, il commercio mondiale...

Turchia, aggiornato il regolamento sull'etichettatura degli alimenti

18-04-2024 | Estero

La Turchia ha recentemente apportato diverse modifiche al "Codice Alimentare...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.