News

Secondo l'ultimo rapporto del Centro Studi di Confindustria l'anno in corso si apre con un quadro economico caratterizzato da luci e ombre, dove la speranza di una ripresa si mescola con la cautela derivante da vari fattori. L'economia italiana, dopo una crescita modesta nel 2023 trainata dai settori dei servizi e delle costruzioni, si trova ad affrontare la sfida di tassi di interesse più alti e prezzi del petrolio in crescita, ma anche con una maggiore fiducia e una spinta espansiva nei servizi.

Uno dei punti cruciali è rappresentato dall'inflazione, dove l'Italia mostra un divario significativo rispetto all'Eurozona. Mentre i prezzi energetici calano di più nel nostro paese, i prezzi core di beni e servizi segnalano un rallentamento inferiore rispetto al resto dell'Europa. Questo contesto potrebbe influenzare le decisioni di spesa dei consumatori.

consumi

Anche i tassi di interesse, sebbene inizialmente attesi in calo, potrebbero subire ritardi nella riduzione a causa della lenta decelerazione dell'inflazione. Ciò potrebbe impattare sui costi di finanziamento per le imprese, comprese quelle attive nel settore delle bevande alcoliche.

inflazione

Tuttavia, non tutto è negativo. Gli indicatori del mercato del lavoro mostrano segnali di miglioramento, con un aumento dell'occupazione e una diminuzione della disoccupazione. Questo potrebbe tradursi in un incremento del potere di acquisto dei salari, sebbene i consumi finora mostrino segnali misti.

Nel complesso, i servizi sembrano essere il traino dell'economia italiana, con un netto recupero dell'attività e una fiducia in crescita. Anche il settore industriale sembra avvicinarsi alla fine della fase di calo, mentre le prospettive per le esportazioni migliorano, nonostante i rischi legati alle tensioni internazionali.

Tuttavia, a fronte di questa situazione, è urgente accelerare sull'attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). Sebbene siano stati impegnati quasi 41 miliardi di euro delle risorse disponibili, la maggior parte delle spese riguarda misure pre-esistenti o incentivi fiscali. Un maggiore focus sugli investimenti potrebbe dare nuova linfa all'economia italiana, contribuendo così alla crescita economica nel medio e lungo termine.

In conclusione, il 2024 si prospetta come un anno di sfide e opportunità per l'Italia. Con una gestione oculata delle politiche economiche e un'accelerazione nell'attuazione del Pnrr, il paese potrebbe guardare con fiducia verso una ripresa sostenibile.

Fonte: https://www.confindustria.it/home/centro-studi/temi-di-ricerca/congiuntura-e-previsioni/dettaglio/congiuntura-flash-febbraio-2024

All’Accademia dei Georgifili si celebra il centenario di Oiv

23-04-2024 | Arte del bere

Festa a Firenze per i 100 di vita dell'Organizzazione internazionale...

Il labirinto della vite: un viaggio sensoriale nell'enologia e nell'arte

23-04-2024 | Arte del bere

Nel cuore dei comuni di Bassiano, Sezze e Sermoneta, la...

Aumento delle accise sul vino in Russia: come influirà sui prezzi al consumo?

23-04-2024 | Estero

L'aumento delle accise sui prodotti vinicoli in Russia non dovrebbe...

Sughero vs vite: un dibattito sulla sostenibilità delle chiusure nel mondo del vino

23-04-2024 | Studi e Ricerche

L'uso dei sugheri rispetto alle chiusure a vite nel mondo...

Rinviata a luglio 2025 l'entrata in vigore delle nuove normative Eaeu sul vino

23-04-2024 | Normative

L'entrata in vigore delle nuove normative tecniche dell'Unione economica eurasiatica...

Verifood, l’AI in aiuto per tutelare i marchi Dop e Ig

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Un sistema di ricerca automatica sul web per scoprire usurpazioni...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.