News

“Il Governo ha chiesto agli operatori del comparto vino di alzare l’asticella dell’export, mirando ai 7 miliardi di euro. Possiamo certamente raggiungere questo importante risultato, ma per far questo abbiamo bisogno di una strategia e una politica nazionale che sostenga le necessità della filiera”. Lo ha detto il presidente di Federvini, Sandro Boscaini, all’Assemblea Generale 2016, nel chiedere a livello di negoziazioni europee “l’inserimento di alcune misure affinché il regolamento per la promozione nei mercati dei Paesi terzi risulti meno rigido e molto più attento alla realtà dei mercati”. Se da una parte i consumi interni presentano un andamento poco dinamico, le esportazioni invece continuano a dare risultati soddisfacenti, confermando il valore del prodotto Made in Italy. Il comparto vinicolo si conferma quello a maggiore vocazione all’export, seguito dalle acquaviti e liquori e dagli aceti. Nel 2015, ha precisato Federvini, l’Italia ha esportato vini e mosti per un valore pari a 5,5 miliardi di euro (+4,8% sull’anno precedente) ed in volume 21 milioni di hl (-2,3%). Gli Stati Uniti sono il mercato extra Ue più premiante con 1,2 miliardi di euro (+13,8%) e 3,2 miliardi di hl (+6,6%). In Europa invece la Germania si conferma primo mercato, seguito dall’Inghilterra. Gli spumanti, ha sottolineato il presidente di Federvini, continuano ad esprimere performance brillanti, segnando un +24,5% in quantità con 512 mila hl ed un + 28% in valore con 194 milioni di euro. Performance positive per gli aceti, che hanno registrato crescita in valore (+1,1%) ed un lieve rallentamento in quantità (-1,4%) con 245 milioni di euro e quasi 1,2 milioni di hl. I vini aromatizzati hanno presentato invece un rallentamento in valore (-12,6% con 148 milioni di Euro) e in volume (-12,3% con 991 mila hl). Contrazione anche per l’export di acquaviti di vino e di vinaccia in valore (-5,3% con 64.000 mila Euro) ed in volume (-1,4% con 76 mila ettanidri). (ANSA).

Un Cognac pre-rivoluzione francese va all'asta per 150mila dollari

04-06-2020 | Arte del bere

Quasi 150mila dollari per un Cognac pre-rivoluzione francese. È quanto...

Dazi Usa: riprendere al più presto il dialogo tra Ue e Washington

04-06-2020 | News

L'urgenza di fronteggiare l'epidemia mondiale da Covid-19, come ben comprensibile...

Confermato l'incarico al Consorzio di tutela Cerasuolo

03-06-2020 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana del 29 maggio 2020...

Vinexpo Ny, webinar sulla "Nuova normalità" del mercato degli spiriti

03-06-2020 | Arte del bere

Vinexpo NY organizza per oggi pomeriggio un webinar su quella...

Finlandia e Norvegia oggi riaprono i bar

03-06-2020 | Estero

Dopo la lunga chiusura a causa del coronavirus, in Finlandia...

Agea, nuova proroga per ristrutturazione e riconversione vigneti

03-06-2020 | Normative

Con circolare n. 36743 del 29 maggio 2020, AGEA Ufficio...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection