News

MILANO (MF-DJ)--Con una crescita del 4% e un rapporto tra indebitamento e crescita decisamente favorevole, tra il 2009 e il 2013, il settore agroalimentare ha trainato l'economia italiana che, nello stesso periodo, ha perso oltre il 2% del Pil. E' quanto emerge dal Food Industry Monitor, il primo osservatorio permanente del settore agroalimentare italiano realizzato dall'Università di Scienze Gastronomiche-Unisg e dalla banca Bsi. Secondo lo studio ai primi tre posti per crescita, reddittività e sostenibilità finanziaria ci sono i comparti del caffè, dei distillati e del food equipment (produzione di impianti e macchinari per l'industria del food). Seguono i comparti della pasta, dei dolci e del vino. Ancora più importante è il fatto che in questi settori la crescita è stata accompagnata dalla sostenibilità finanziaria: una combinazione di fattori che potrà garantire il successo anche su lungo periodo. In prospettiva futura, insieme a questi ultimi aspetti, innovazione, internazionalizzazione e comunicazione saranno fattori critici di successo per una crescita competitiva e duratura. quanto emerge in sintesi dai risultati della prima edizione del Food Industry Monitor, il primo osservatorio permanente del settore agroalimentare italiano, realizzato dall'Università di Scienze Gastronomiche-Unisg insieme alla banca Bsi. L'osservatorio ha analizzato le performance economico-finanziarie di 520 aziende suddivise in 10 comparti (acqua, caffè, distillati, dolci, food equipment, latte e derivati, olio e condimenti, pasta, salumeria, vino) dal 2009 al 2013. Il campione delle aziende prese in esame, in media le prime 50 per dimensioni di ogni comparto, hanno generato complessivamente 43,5 miliardi di euro di ricavi nel 2013, pari a circa il 71% di tutte le societaàdi capitale operanti nel settore in Italia.
Nell'analisi sono stati considerati tre indicatori: crescita, sostenibilità finanziaria e reddittività.
Corriere della Sera

Chiarimenti sulle regole di distillazione e riduzione delle rese

26-05-2020 | Normative

Venerdì 22 maggio si è tenuta una riunione convocata dal...

I consigli di Liv-ex per adattare le strategie di vendita al periodo post Covid

25-05-2020 | Trend

La pandemia Covid negli ultimi tre mesi ha radicalmente mutato...

Arriva la app per la gestione digitale della cantina

25-05-2020 | Trend

Fase 2: una “foodtech company” al fianco dei ristoratori per...

Cantina Italia, giacenze in calo del 1,5% rispetto al 14 maggio

25-05-2020 | Studi e Ricerche

Alla data del 21 maggio 2020 negli stabilimenti enologici italiani...

Punto per punto tutte le misure contenute nel Dl Rilancio

22-05-2020 | News

Il Decreto legge Rilancio è stato pubblicato pubblicato in Gazzetta...

Giappone, da giugno in vigore la lista delle materie ammesse per i packaging alimentari

22-05-2020 | Estero

A partire dal primo giugno 2020, entrerà in vigore in Giappone...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection