News

Giovedì, 30 Ottobre 2014

Frodi, Martina: Italia al top per controlli a tutela del made in Italy agricolo

di

Sicuramente complesso, con ben quattro organismi diversi di tutela, ma anche ai vertici mondiali in termini di affidabilità e capillarità, il sistema dei controlli messo in piedi dall'Italia a protezione dei propri prodotti agroalimentari, minacciati da contraffazioni e dal mercato del "falso" made in Italy, favorito dall'uso scorretto di etichette italian sounding. Abbiamo un sistema dei controlli unico al mondo per combattere le contraffazioni e le frodi nell’agroalimentare sugli scaffali e nell'e-commerce, ha spiegato oggi il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, in audizione presso la Commissione parlamentare di inchiesta della Camera sui fenomeni della contraffazione. Ora dobbiamo andare avanti così mettendo in pratica nei mercati europei tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione 60mila controlli in otto mesi.

ilsole24ore.com

Sicuramente complesso, con ben quattro organismi diversi di tutela, ma anche ai vertici mondiali in termini di affidabilità e capillarità, il sistema dei controlli messo in piedi dall'Italia a protezione dei propri prodotti agroalimentari, minacciati da contraffazioni e dal mercato del "falso" made in Italy, favorito dall'uso scorretto di etichette italian sounding. Abbiamo un sistema dei controlli unico al mondo per combattere le contraffazioni e le frodi nell’agroalimentare sugli scaffali e nell'e-commerce, ha spiegato oggi il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, in audizione presso la Commissione parlamentare di inchiesta della Camera sui fenomeni della contraffazione. Ora dobbiamo andare avanti così mettendo in pratica nei mercati europei tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione 60mila controlli in otto mesi.

I numeri dei controlli messi in campo dall'Ispettorato centrale del ministero per la tutela della qualit e repressione frodi, dal Corpo forestale dello Stato, dal Nucleo anti-frodi dei Carabinieri e dalle Capitanerie di porto confermano l'ottimismo del ministro. Solo nei primi 8 mesi dell'anno, ha spiegato Martina, sono stati effettuati oltre 60mila controlli e realizzati sequestri per un valore di oltre 30 milioni di euro. A presidio dei prodotti italiani soprattutto l'Ispettorato repressione frodi, che realizza il 43% dei controlli agroalimentari nazionali e l'81% dei controlli del ministero, mettendo in campo circa 46mila controlli ispettivi ed analitici, con verifica di oltre 24mila operatori.

Articoli correlati

• Ferrarini (Confindustria): la norma Ue sul "Made in" sia priorità del semestre europeo. La contraffazione costa all'Italia 14 miliardi l'anno • Sapore di fake. Dalla pizza all’olio, sai riconoscere le contraffazioni del made in Italy?

Commercio on line nuova frontiera per la tutela del made in Italy. La nuova frontiera dei controlli, ha spiegato Martina, il mondo sconfinato del commercio online, che negli ultimi anni ha visto i prodotti alimentari italiani in testa nella preferenze di acquisto: gli ultimi dati, aggiornati al 2013, indicano che l'e-commerce alimentare in Italia ha avuto un incremento nel fatturato del 18 per cento. Da qui, l'attivismo del ministero, che da poco ha reso operativo un protocollo d'intesa con l'Associazione italiana Consorzi indicazioni geografiche e la piattaforma online e-Bay per rafforzare la tutela delle produzioni italiane di qualità registrata e contrastarne la falsificazione. Oggi possiamo andare diritti sugli scaffali dei supermercati rilevando i prodotti contraffatti; stessa cosa per le vendite on-line grazie ai protocolli sottoscritti con Google e con E-bay, unico Paese al mondo ad ave r fatto una cosa del genere

Accordo Ttip con gli Usa una un'opportunità. Lega contro Per quanto riguarda invece i controlli sui mercati internazionali, il ministro ha sottolineato il ruolo degli accordi bilaterali. Su questo fronte, sarà cruciale il Transatlantic Trade and Investment Partnership (Ttip) con gli Usa dove il punto vero sarà presidiare e rilanciare la tutela delle nostre indicazioni geografiche, capendo che questo negoziato un'opportunità per il settore come mercato di sbocco. Di parere opposto Stefano Allasia, della Lega, che ha criticato l'idea che trattato citato da Marina dar beneficio ai mercati italiani. Una volta approvato il trattato commerciale Usa-Ue, ha spiegato Allasia, molte eccellenze italiane rischierebbero di essere messe all'indice e le produzioni locali il cui valore si basa sull'origine certificata vedrebbero la loro fine. Per questo, ha concluso, orre che il governo ottenga l'esclusione dal trattato delle certificazioni dop, doc e altre etichette che oggi tutelano i nostri prodotti da una concorrenza sleale dei prodotti cinesi ma anche americani.

ilsole24ore.com

E in Spagna e Francia spopola il vino blu

15-08-2018 | Trend

L'imprenditore francese René Le Bail ha lanciato in Spagna e...

I bianchi di Romagna si uniscono in un Club

14-08-2018 | Trend

Quindici cantine dell'Emilia Romagna, dalle colline di Rimini alla provincia di...

Il Cile guadagna quattro nuove denominazioni d'origine

13-08-2018 | Estero

Al Cile sono state riconosciute quattro nuove Denominazioni di Origine...

Una vacanza tra il fiume e il vino del Friuli Venezia Giulia

10-08-2018 | Itinerari

Il Tagliamento è un fiume che ha segnato la storia del Friuli...

Prosecco Conegliano Valdobbiadene: export a +6,9%

09-08-2018 | Studi e Ricerche

Vendite estere in aumento per il  Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg. I...

In Israele scoperta antica "fabbrica" del vino

08-08-2018 | Estero

Gli archeologi israeliani vicino a Tel Aviv hanno scoperto un...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.