News

L'Ue boccia l'etichettatura a 'semaforo' sugli alimenti e ha aperto una procedura di infrazione contro la Gran Bretagna per "presunta violazione del principio di libera circolazione delle merci". La Commissione europea ha inviato a Londra una lettera di messa in mora, primo passaggio della procedura di infrazione comunitaria, per il sistema di etichette verde, giallo e rosso da assegnare ai prodotti alimentari in base al loro contenuto di grassi e al potenziale danno per la salute umana.

Bruxelles, ha spiegato il portavoce del commissario all'Industria, Ferdinando Nelli Feroci, ha chiesto al Regno Unito "di commentare sulle lamentele avanzate dagli operatori economici" contro l'etichettatura. La Gran Bretagna ha due mesi di tempo per rispondere alla lettera di messa in mora.

 

L'Ue boccia l'etichettatura a 'semaforo' sugli alimenti e ha aperto una procedura di infrazione contro la Gran Bretagna per "presunta violazione del principio di libera circolazione delle merci". La Commissione europea ha inviato a Londra una lettera di messa in mora, primo passaggio della procedura di infrazione comunitaria, per il sistema di etichette verde, giallo e rosso da assegnare ai prodotti alimentari in base al loro contenuto di grassi e al potenziale danno per la salute umana.

Bruxelles, ha spiegato il portavoce del commissario all'Industria, Ferdinando Nelli Feroci, ha chiesto al Regno Unito "di commentare sulle lamentele avanzate dagli operatori economici" contro l'etichettatura. La Gran Bretagna ha due mesi di tempo per rispondere alla lettera di messa in mora.

Per la Coldiretti l'avvio della procedura salva, per così dire, le esportazioni made in Italy, dai formaggi come il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano all'olio d'oliva, fino ai salumi più tipici come il prosciutto di Parma o San Daniele. Il provvedimento del Regno Unito rende più difficile l'accesso al mercato per determinate categorie di merci. "L'obiettivo del semaforo era quello di diminuire il consumo di grassi, sali e zuccheri ma – sottolinea Coldiretti -, non basandosi sulle quantità effettivamente consumate e solo sulla generica presenza di un certo tipo di sostanze, finisce per escludere paradossalmente dalla dieta alimenti come l'olio extravergine d'oliva e promuov ere, al contrario, le bevande gassate senza zucchero, fuorviando i consumatori rispetto al reale valore nutrizionale".

Il semaforo rosso penalizza, infatti, la presenza di materia grassa superiore a 17,5 grammi, quello giallo tra 17,5 grammi e 3 grammi e il verde fino a 3 grammi. Una scelta che è già stata adottata in molti supermercati in Gran Bretagna - rileva Coldiretti – a danno di alcuni settori cardine dell'export made in Italy e, più in generale, dell'intero trend di consumo nel Regno Unito del cibo italiano, che nel 2013 ha fatto segnare un aumento del 6%, per un valore di 2,8 miliardi.

adnkronos.com

 

Addio ai 100/100 di Parker: la Cina adotta un nuovo rating nazionale per i vini

12-12-2018 | News

Nuovo sistema di rating per il vino in Cina. Annunciato...

Tokyo: sono "vini giapponesi" solo quelli prodotti con uve locali

12-12-2018 | Estero

Il 30 ottobre 2018 è entrato in vigore il regolamento...

Nota dell'Agenzia delle Dogane sul pagamento delle accise

12-12-2018 | Normative

L’Agenzia delle Dogane ha diramato una nota con la quale...

Istat: il Verdicchio traina l'export delle Marche

12-12-2018 | News

Vino driver delle esportazioni. Succede alle Marche, grazie al Verdicchio...

Italian Wine & Food Institute: import di vini in Usa ancora in calo (ma brilla il Rosé)

12-12-2018 | News

Continua la fase di contrazione delle importazioni vinicole Usa che hanno fatto...

Cina: verso il superamento del certificato per vini e spiriti

11-12-2018 | News

Sta per avviarsi verso una decisione definitiva il confronto tra...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.