News

L’emergenza legata all’epidemia da Covid-19 desta forte preoccupazione nel sistema produttivo, soprattutto dopo la scoperta di focolai in Italia. In particolare, da un’indagine effettuata da Confindustria sulle imprese, emerge che il 65% dei rispondenti ha registrato impatti sulla propria attività a causa della diffusione del Covid-19 in Italia. La percezione è stata più alta della media in Lombardia e Veneto, dove si è attestata intorno al 70%.

A oggi, la diffusione del Covid-19 in Italia sta causando soprattutto danni al fatturato delle aziende, come indicato dal 27% dei rispondenti. Per la manifattura, il 60% delle imprese intervistate ravvisa degli effetti negativi, con problemi più evidenti per il settore dell’abbigliamento e della lavorazione dei pellami, della chimica e dell’elettronica. L’impatto è risultato pervasivo per le attività di alloggio e ristorazione, dove il 99% dei rispondenti ha segnalato di aver subito effetti negativi, nonché per tutte le attività legate ai servizi di trasporto.

Si tratta ovviamente di stime preliminari. Gli effetti saranno anche peggiori a seguito dell’estensione delle restrizioni su tutto il territorio nazionale disposta con il DPCM dello scorso 9 marzo. Pertanto, Confindustria ha elaborato una serie di proposte volte a fronteggiare la crisi economica e sociale indotta dalla progressiva espansione dell’emergenza epidemiologica.

Il documento articola interventi urgenti per il Paese su quattro direttrici prioritarie:

  • rilanciare gli investimenti pubblici per sostenere la domanda interna, l’attività produttiva e l’occupazione;
  • garantire nell’immediato la liquidità delle imprese attraverso vari strumenti, tra cui la sospensione dei pagamenti di imposte e contributi e la previsione di agevolazioni finalizzate alla concessione di nuove linee di credito, soprattutto per il finanziamento del circolante;
  • prevedere interventi di sostegno all’occupazione, attraverso l’utilizzo degli ammortizzatori sociali per sostenere settori e filiere in crisi;
  • prevedere procedure omogenee su tutto il territorio nazionale per garantire la continuità produttiva, evitando interventi frammentari e contraddittori tra i vari livelli di Governo. 

 

Italia e altri sei Paesi Ue contro il Nutriscore

21-09-2020 | News

La ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova, insieme con l’omologo...

Ismea, consuntivo export a +3,5% nel primo semestre - Vino in calo

21-09-2020 | News

Il saldo del commercio agroalimentare italiano con l'estero nel primo...

I 40 anni della prima Docg italiana, il Vino Nobile di Montepulciano

21-09-2020 | News

Quarant'anni fa. Era il 1980 quando il Ministero dell'Agricoltura e...

Ismea, con “Donne in campo” al via le agevolazioni per l’imprenditoria femminile in agricoltura

20-09-2020 | Normative

Sul sito www.ismea.it dal 15 settembre è attivo il portale per accedere...

Made Green in Italy, l'impronta ecologica dell'Aceto Balsamico di Modena in un logo

20-09-2020 | News

Non si fa trovare impreparato il sistema dell’Aceto Balsamico di...

Sostenibilità e territorio nell'Agenda 2030 del Consorzio Vini Alto Adige

20-09-2020 | Trend

In un’azione congiunta con il Centro di consulenza per la...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.