News

Si susseguono a Bruxelles incontri e dialoghi tra Usa e Ue, dall'inizio di questa settimana. I contatti hanno coinvolto il Segretario USA per l’Agricoltura, l'ambasciatore USA presso la UE, diversi parlamentari europei, funzionari della Commissione UE, esponenti della nostra Rappresentanza a Bruxelles, esponenti del gabinetto della Ministra Bellanova. Molti gli elementi sul piatto, anche se l'esito è ancora incerto.

Di sicuro, però, ci sono le date per proseguire i tentativi di trovare una mediazione:  il 4 febbraio si incontreranno ufficialmente le due delegazioni; il 5 e 6 febbraio è in calendario un altro incontro a Washington fra la Presidente della Commissione UE Von Der Leyen e il Presidente Trump. Sempre come elemento (quasi) certo, la pubblicazione di nuovi atti americani, a variazione delle regole sui dazi in vigore dal 18 ottobre, che avverrà il 14 febbraio (il 13 gennaio si era conclusa la consultazione pubblica).

A suscitare incertezze vi è ovviamente l'esito di queste trattative che potrebbero portare novità fin dal 14 febbraio. Pur nella ristrettezza dei tempi, le speranze sono molto alte. I produttori di vino e spiriti delle due sponde dell'Atlantico si sono espressi congiuntamente contro i dazi che stanno crendo forti difficoltà anche alla filiera americana. Richieste analoghe sono state avanzate da un  folto gruppo di membri del Congresso Usa. Tuttavia è difficile immaginare che le modifiche possano essere incisive. Soprattutto tra gli operatori del settore la sensazione più diffusa è che tra i nuovi provvedimenti ci possano essere variazioni nella lista dei prodotti, seppure minimi. Minor credito ha la possibilità che vengano effettuati interventi sui livelli di dazi: nelle due direzioni, per innalzarli dall’attuale 25% o per abbassarli.  

Le attese riguardo una modifica delle percentuali si concentrano dunque in possibili incontri successivi, quando il confronto USA/UE potrebbe raggiungere primi traguardi e la campagna presidenziale americana sarà in una fase più avanzata. Per quel periodo, infatti, dovrebbe essere stata pubblicata anche la decisione a favore del ricorso Airbus contro i sussidi ricevuti da Boeing.

Ricordiamo che al momento i dazi colpiscono numerosi prodotti italiani, spagnoli, irlandesi e tedeschi verso gli Stati Uniti, proprio come ripercussione del ricorso vinto da Boeing contro Airbus; mentre il bourbon americano in entrata nella UE è soggetto a tassazione particolare come conseguenza della disputa USA/UE in materia di acciaio e alluminio.

Per il settore vini e spiriti in particolare, sono fortissime le pressioni per avviare un dialogo anche dedicato affinché si tenga conto di taluni adattamenti normativi nella cornice dell’accordo esistente da trent’anni fra UE e USA su questa materia: potrebbe presto circolare un primo documento di proposte che conterrà anche delle richieste americane per la semplificazione negli scambi.

 

 

Confindustria: come attenuare l’effetto-rincari delle commodity

17-01-2022 | News

L'aumento dei prezzi delle materie prime sui mercati internazionali, iniziato...

A Dubai piramide di coppe da champagne da Guinness dei primati

17-01-2022 | Arte del bere

Con un'altezza di 8,23 metri, una piramide realizzata da 54.740...

Doc Sicilia, dal 1° gennaio il sigillo di Stato sulle bottiglie

17-01-2022 | Normative

Dal 1° gennaio 2022 arriva sulle etichette dei vini Doc...

Cina, un mercato destinato a una crescita sempre più lenta? E intanto le etichette locali…

17-01-2022 | News

Il mercato cinese del vino rallenta. l dati registrano una...

Prosecco Doc, oltre 627 milioni di bottiglie e più valore

13-01-2022 | Trend

Le aziende appartenenti al Consorzio di tutela del Prosecco Doc...

Ristorazione in affanno: “Il Governo ci faccia rientrare nel decreto sostegni”

13-01-2022 | News

L’improvvisa ripresa dei contagi che ha compromesso il mese più...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.