News

Continua la fase di contrazione delle importazioni vinicole Usa che hanno fatto complessivamente registrare una diminuzione del -8,1% in contrasto con l’aumento del +7,8% avuto invece nel 2017. È quanto emerge dai dati resi noti dall'Italian Wine & Food Institute relativi ai primi dieci mesi dell’anno. Alla riduzione hanno contribuito i principali otto Paesi esportatori verso il mercato statunitense, che complessivamente forniscono il 96,4% delle importazioni Usa. A eccezione della Francia, che continua nella sua fase di espansione e che ha ottenuto un incremento del +8% e della Nuova Zelanda che ha ottenuto un +3,1%, tutti gli altri Paesi hanno fatto registrare delle contrazioni: il Cile -17,5%, l’Australia -17,4%, la Spagna -16%, l’Argentina -14,3%, la Germania -12,7% e l’Italia -1,8%. Da rilevare che la contrazione delle importazioni ha principalmente colpito i vini bianchi e i vini rossi, che hanno tutti subito delle riduzioni, mentre i vini rosé hanno fatto registrare degli incrementi oscillanti fra il 7 e il 30%.

Esaminando in dettaglio i dati dei primi dieci mesi dell'anno in corso, le importazioni statunitensi, secondo la nota dell'IWFI basata sui dati dell’US Department of Commerce, sono ammontate a 7.220.600 ettolitri, per un valore di 3.680.415.000 di dollari contro i 7.852.940 ettolitri, per un valore di 3.510.281.000 di dollari dei primi dieci mesi del 2017. Sempre nei primi dieci mesi dell'anno le esportazioni italiane sono ammontate a 2.076.220 ettolitri, per un valore di 1.166.782.000 di dollari, contro i 2.115.533 ettolitri dei primi nove mesi del 2017, per un valore di 1.107.127.000 di dollari. Le importazioni dall’Australia sono risultate, nel periodo in esame, pari a 1.179.020 ettolitri, per un valore di 248.233.000 di dollari, contro i 1.427.300 ettolitri, per un valore di 289.748.000 di dollari del 2017. Le importazioni dalla Francia sono ammontate, sempre nello stesso periodo, a 1.128.400 ettolitri, per un valore di 1.075.363.000 di dollari contro i 1.044.660 ettolitri, per un valore di  912.744.000 di dollari dell’anno precedente. Le importazioni dal Cile sono ammontate, nei primi dieci mesi del 2017, a 946.780 ettolitri, per un valore di 190.153.000 di dollari contro i 1.147.020 ettolitri, per un valore di 223.365.000 di dollari dell'anno precedente.
Continua invece, anche se con un più contenuto tasso di crescita, l’espansione delle importazioni Usa di spumanti che hanno fatto complessivamente registrare, nei primi dieci mesi dell’anno in corso, un +9,4% che si contrappone tuttavia al +11,6% registrato nel 2017 e al +16,1% registrato nel 2016. In questo segmento, l’Italia, nei primi dieci mesi dell’anno, ha fatto registrare un +13,7 contro il +11,2 fatto registrare nel 2017 ed il +25,8 fatto registrare nel 2016. 

 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection