Itinerari

Federvini consiglia i posti da visitare e gli itinerari da seguire per apprezzare ogni sfumatura dello stile di vita mediterraneo.

Il liquore di Genziana è l’immancabile fine pasto della tavola Abruzzese. Dal colore ambrato e dall’intenso gusto amarognolo, è il digestivo per definizione  e presenza indispensabile anche per la ricchezza del menu tipo abruzzese. La pianta di Genziana è tipica dell’Appennino e cresce sulle pendici del Gran Sasso: il fiore è di colore giallo, dalla macerazione delle radici con zucchero e alcool, si ottiene  il prezioso distillato.

Essendo una pianta protetta, la raccolta può avvenire solo con autorizzazione degli Ispettorati Dipartimentali delle Foreste e “solo per scopi scientifici, didattici, medicamentosi ed erboristici, mediante rilascio di licenze temporanee, di durata non superiore ad un anno, rinnovabili, contenenti l’indicazione della località ove consentita la raccolta o l’estirpazione della specie, della finalità della raccolta e della quantità consentita e delle modalità per provvedervi…”. E' comunque possibile procurarsi le radici presso le erboristerie o le drogherie. Ecco un itinerario per andare alla scoperta del suo ambiente naturale.

Nel cuore del Parco, lungo l'Alto Sangro, una delle escursioni più belle è senza dubbio l'itinerario che risale la Val Fondillo. Lasciate le auto nel parcheggio all'imbocco della valle, si continua su una strada sterrata fino alla Vecchia Segheria, la catena montuosa che chiude la valle è la Serra delle Gravare, mentre sulla sinistra il Monte Amaro e alle spalle il Monte Marsicano. 

Il sentiero (segnavia F2) risale lungo il torrente Fondillo, ricco di trote, che versa le sue limpide acque nel Sangro. Le sponde del corso d'acqua sono ammantate da una ricca vegetazione riparia in cui spiccano i salici, e sono circondate da bellissime faggete. Notevole è anche la fauna della valle, caratterizzata dalla presenza dell'Orso bruno marsicano, che talvolta viene avvistato dagli escursionisti. Proseguendo si incontrano residui di rimboschimenti (a pino nero, larice e abete rosso) e numerose radure che si aprono lungo i versanti della valle, ricchissima di fioriture. 
Lungo il percorso si incontra la Grotta delle Fate, situata a metà strada per il Valico Passo dell'Orso. Scendendo sulla sinistra per una scalinata fatta di lunghe radici di faggi si giunge alla grotta: una cavità bassa e lunga dalla quale sgorga un'acqua pura e trasparente. Riprendendo il cammino si arriva al sopra citato Passo dell'Orso. Questo valico è stato utilizzato per secoli dai pastori per raggiungere il Lazio ed è, da lunghissimo tempo, percorso dai pellegrini che da Pescasseroli e da Opi si recano al famoso Santuario della Madonna di Canneto, nella valle omonima.

Per informazioni: www.parcoabruzzo.it

 

Finanziamenti agevolati: come presentare la domanda sul sito Sace Simest

07-08-2020 | Normative

Dal 6 agosto, è possibile presentare le domande sul portale...

Parigi aumenta a 250 milioni gli aiuti alla distillazione

07-08-2020 | News

Il primo ministro francese Jean Castex ha promesso di aumentare...

I mercati del vino post Covid: l'analisi del Comitato Nazionale Vini Dop e Igp

07-08-2020 | Studi e Ricerche

 La crisi Covid è arrivata in un contesto di appesantimento...

Raggiungendo la verde riviera picena

07-08-2020 | Itinerari

Un percorso nella provincia di Ascoli Piceno prende avvio da Montefiore dell’Aso, con...

Gourmand Awards, Il Sommelier miglior rivista italiana 2020

06-08-2020 | Arte del bere

E’ Il Sommelier la migliore rivista pubblicata in Italia, per l’anno 2020...

New York, via libera ai gelati "alcolici"

06-08-2020 | Trend

New York "sdogana" i gelati contenenti alcolici. Il 3 agosto...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection