Dall'estero

Una revisione su larga scala della D.O. Jerez-Xérès-Sherry è stata appena approvata dal suo Consejo. Nuovi vitigni e la fine dell'iconico Triangolo dello Sherry sono tra i cambiamenti più importanti. Quattro mesi dopo la firma di un accordo iniziale, riporta il sito britannico Decanter, il Consejo Regulador della D.O. Jerez-Xérès-Sherry ha ora finalizzato e convalidato un documento che approva diversi importanti cambiamenti alle sue regole fondamentali. Molti dei contenuti dell'accordo rappresentano sviluppi storici negli 86 anni della denominazione.

La decisione avviene sullo sfondo di un conflitto duraturo tra Jerez e Sanlúcar de Barrameda su questioni di produzione e rappresentazione del Fino e della Manzanilla. Tuttavia, l'accordo va ben oltre la risoluzione della faida in corso e introduce importanti passi verso una maggiore diversità e competitività commerciale.

Ecco una panoramica dei principali cambiamenti del regolamento dello Sherry, ora approvati e che entreranno in vigore a novembre.

Nuovi (vecchi) vitigni autorizzati: diverse varietà bianche indigene, ampiamente piantate a Jerez prima che la fillossera devastasse i vigneti della regione, saranno ora ammesse nello Sherry DO insieme a Palomino, Moscatel e Pedro Ximenez. Mantúo Castellano, Mantúo de Pilas, Vejeriego, Perruno, Cañocazo e Beba sono caduti nell'oblio ma si spera che ora vengano reintrodotti. Alcuni produttori hanno già iniziato a sperimentare con queste uve dimenticate senza poter etichettare i vini con il timbro della DO fino ad ora.

Vini non fortificati: i vini possono ora essere etichettati come Fino e Manzanilla anche se non sono fortificati. Gli altri requisiti del processo di produzione - vale a dire un minimo di due anni di invecchiamento sotto terra - rimangono invariati, così come il requisito di un titolo alcolometrico minimo di 15º (una conseguenza indiretta di questa decisione è che lo Sherry non può più essere classificato in generale come un vino fortificato).

Pagos: una mappa aggiornata Insieme alle nuove regole: il Consejo rilascerà una mappa aggiornata e più estesa dei pagos di Jerez. Questi identificano gruppi di vigneti con microterroir specifici e differenziati.

Zona unica di produzione e invecchiamento: probabilmente la più dirompente delle nuove regole, la fine dell'iconico Triangolo dello Sherry. Fino ad ora, i vini base giovani potevano essere prodotti in tutta la zona di produzione di Jerez, ma la maturazione dello Sherry era limitata alle città di Jerez de la Frontera, Sanlúcar de Barrameda e El Puerto de Santa Maria. In futuro, lo Sherry può essere invecchiato in tutta la zona di produzione, con un numero molto più grande di bodegas ora in grado di etichettare i loro vini con il timbro DO.

Manzanilla Pasada e Fino Antiguo: mentre queste due categorie non sono nuove, il nuovo regolamento stabilisce un minimo di sette anni di invecchiamento per entrambe.

Fino de Sanlúcar: fine dell'ambiguità. Alcuni produttori di Sanlúcar, come Barbadillo, producevano storicamente un vino corposo invecchiato biologicamente che etichettavano come Fino, per le sue caratteristiche strutturali, piuttosto che la prevista Manzanilla. Questo è stato al centro del conflitto tra Jerez e Sanlúcar, ed è stato anche messo in discussione dalla Commissione Europea (cioè l'uso del termine Fino per un vino con le stesse specifiche tecniche della Manzanilla, all'interno della zona della Manzanilla). Il nuovo accordo definisce che il Fino può essere prodotto solo a Jerez e El Puerto. E tutti i vini invecchiati biologicamente prodotti a Sanlúcar possono essere chiamati solo Manzanilla. Ci sarà un periodo transitorio di 10 anni per eliminare gradualmente gli stock di Fino de Sanlúcar esistenti.

Tabancos e despachos: regolamentazione delle vendite informali di massa Le vendite direttamente dalla botte, o in taverne, ristoranti, negozi all'interno delle bodegas (despachos) e gli unici Sherry bar di Jerez (tabancos) sono stati una pratica informale di lunga data. I vini venivano venduti senza alcuna etichetta o informazione tecnica. Il nuovo accordo autorizzerà e regolerà questa tradizionale catena di approvvigionamento locale, permettendo agli stabilimenti di vendere e riempire contenitori PET da due e cinque litri.

Photo Credit: Vinos de Jerez

 

Conai: dal 2022 ridotto il contributo ambientale per imballaggi

23-10-2021 | News

Il Consiglio di amministrazione CONAI ha deliberato un’ulteriore riduzione del...

Sui social si parla sempre più di food (+57,4%) e di vino (+29,1%)

23-10-2021 | Studi e Ricerche

In questi ultimi anni il settore del food ha lanciato...

Aceto Balsamico di Modena Igp vince il premio Smau all'innovazione

23-10-2021 | News

Aceto Balsamico di Modena sempre più “innovativo”: al video immersivo...

Esonero contributivo per il periodo di febbraio 2021: ecco la circolare INPS

22-10-2021 | Normative

Segnaliamo la pubblicazione della circolare n. 156 del 21 ottobre...

Noli alle stelle, aumenti record per materie prime ed energia: così si rischia di vanificare la ripresa

22-10-2021 | News

Federvini lancia l’allarme sulle prospettive per i vini, gli spiriti e...

Vision 2030, il primo progetto che unisce manager, imprenditori e professionisti del vino

22-10-2021 | News

“Vision 2030 è un progetto esteso ai contributi di professionisti...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.