Dall'estero

L’Assemblea legislativa vietnamita ha ratificato l’Accordo di libero scambio con l’Unione europea, ultima tappa per l’entrata in vigore del trattato, dopo l’approvazione del Parlamento europeo avvenuta il 12 febbraio 2020 ed il voto favorevole del Consiglio UE del 30 marzo 2020.

L’entrata in vigore dell’Accordo è prevista per il prossimo 1° agosto 2020.

In particolare, l’Accordo prevede:

 L’eliminazione progressiva dei dazi:

  1. per i vini, l’aliquota base del dazio ad valorem attualmente prevista tra il 50% ed il 55% viene azzerata attraverso otto riduzioni progressive;
  2. per i vini aromatizzati ed i vermut, l’aliquota base del dazio ad valorem attualmente prevista al 55% viene azzerata attraverso otto riduzioni progressive;
  3. per le bevande spiritose, l’aliquota base del dazio ad valorem attualmente prevista al 48% viene azzerata attraverso otto riduzioni progressive;
  4. per gli aceti, l’aliquota base del dazio ad valorem attualmente prevista al 20% viene azzerata attraverso otto riduzioni progressive.

La prima riduzione scatta con l’entrata in vigore dell’accordo, mentre le successive sono azionate ogni primo gennaio dei sette anni successivi.

La tutela di talune DOP e IGP:

  1. Per i vini, Aqui/Brachetto d’Aqui, Asti, Barbaresco, Bardolino superiore, Barolo, Brunello di Montalcino, Chianti, Conegliano Valdobbiadene – Prosecco, Prosecco, Dolcetto d’Alba, Franciacorta, Lambrusco di Sorbara, Lambrusco Grasparossa di Castelvetro, Marsala, Montepulciano d’Abruzzo, Sicilia, Soave, Toscana/Toscano, Veneto, Vino Nobile di Montepulciano;
  2. Per le bevande spiritose Grappa;
  3. Per gli aceti, Aceto Balsamico di Modena.

Si segnala che per le predette denominazioni la protezione è piena sin dall’entrata in vigore dell’accordo, senza alcun periodo transitorio né forme di coesistenza. L’elenco è aperto e, quindi, può essere aggiornato per tenere conto di nuove denominazioni da tutelare.

Un impegno da parte del Vietnam ad intervenire sul sistema delle licenze per migliorare le condizioni di distribuzione e vendita dei vini e delle bevande alcoliche, birra esclusa.

Un buon grado di flessibilità nelle operazioni di logistica, grazie alla possibilità per gli esportatori europei di condurre operazioni di stoccaggio e/o etichettatura della merce sotto l’autorità doganale del Paese di transito o di frazionamento.  

Per beneficiare del trattamento tariffario preferenziale (dazio ridotto e dazio nullo) l’esportatore deve provare l’origine preferenziale della merce attraverso:

  1. Un certificato di origine rilasciato dalle autorità competenti del Paese esportatore;
  2. Una dichiarazione d’origine emessa da un esportatore autorizzato;
  3. Un’attestazione dell’origine compilata da esportatori registrati.

 EXportVietnamSerie2019.jpg

Ismea, consuntivo export a +3,5% nel primo semestre - Vino in calo

21-09-2020 | News

Il saldo del commercio agroalimentare italiano con l'estero nel primo...

I 40 anni della prima Docg italiana, il Vino Nobile di Montepulciano

21-09-2020 | News

Quarant'anni fa. Era il 1980 quando il Ministero dell'Agricoltura e...

Ismea, con “Donne in campo” al via le agevolazioni per l’imprenditoria femminile in agricoltura

20-09-2020 | Normative

Sul sito www.ismea.it dal 15 settembre è attivo il portale per accedere...

Made Green in Italy, l'impronta ecologica dell'Aceto Balsamico di Modena in un logo

20-09-2020 | News

Non si fa trovare impreparato il sistema dell’Aceto Balsamico di...

Sostenibilità e territorio nell'Agenda 2030 del Consorzio Vini Alto Adige

20-09-2020 | Trend

In un’azione congiunta con il Centro di consulenza per la...

Post-Covid: le 5 nuove tendenze di consumo food&beverage

20-09-2020 | Studi e Ricerche

Quali saranno per il 2021 le nuove tendenze del food&beverage...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.