Dall'estero

In attesa della decisione Usa per la revisione semestrale dei dazi all'import di prodotti Ue, prevista per metà febbraio, durante il Fancy Food Show - fiera dedicata alle specialità foods & beverages che si è conclusa ieri a S. Francisco - molti sono stati i confronti con gli operatori e importatori e desta preoccupazione il fatto che i dazi possono essere imposti anche sul 100% del valore del prodotto. "Se da una parte è stato accolto in modo favorevole l’accordo sottoscritto con la Cina, dichiara Cesare Baldrighi, Presidente di OriGin Italia, che apre nuove frontiere e nuove possibilità commerciali che non potranno che avere un riflesso positivo anche per la nostra agricoltura, d’altro canto vi è però molta preoccupazione riguardo la politica dei dazi seguita alla sentenza OMC/WTO sulla vicenda dei sussidi Boeing/Airbus". Ad inizio ottobre l'amministrazione statunitense aveva applicato dazi anche su prodotti agroalimentari italiani, particolarmente colpiti i formaggi Dop e i liquori italiani, per un ammontare del 25% del valore.

"Fin dall'inizio del contenzioso, afferma Cesare Baldrighi, abbiamo sollecitato i nostri rappresentanti italiani e della Ue ad agire per allentare le tensioni che possono avere pesanti ricadute negative anche sui consumatori Usa. Inoltre, un atteggiamento di paventata minaccia di ulteriore aggravio del dazio del 25% già imposto ad ottobre, accresce le tensioni e non aiuta a trovare una soluzione condivisa. Conforta sapere che è stata accolta con favore e con commenti distensivi anche da parte statunitense, la missione della scorsa settimana negli Usa del Commissario al Commercio estero della Ue Phil Hogan, stimolato anche da interventi molto determinati della nostra Ministra Teresa Bellanova, che auspico possa avere contribuito ad un migliore e più costruttivo dialogo. Nel contempo una parte degli operatori ha potuto approfittare dei rincari dei prodotti europei per aumentare i prezzi anche dei prodotti locali a danno, evidentemente, di tutti i cittadini statunitensi. Le ritorsioni tariffarie sono il peggior modo per affrontare il problema, mentre un tavolo negoziale tra Unione Europea e Stati Uniti darebbe frutti certamente migliori".

 

Dazi Usa: tre strategie per gli spiriti italiani

23-02-2020 | News

Il 14 febbraio l’amministrazione Usa ha confermato i dazi del...

Arriva il cocktail ispirato al film di Aldo, Giovanni e Giacomo

22-02-2020 | Arte del bere

«I miei comici preferiti chiamano il loro anziano regista per...

Il monopolio svedese Systembolaget chiede un'ammenda di 3 milioni di corone alla app Vivino

22-02-2020 | News

Il monopolio svedese dell'alcool, Systembolaget, ha comminato alla società di...

Onav si apre alle etichette non convenzionali: verso un corso sui vini "anarchici"

21-02-2020 | Trend

Una definizione forte per una tematica di grande attualità, la...

Monopolio del Quebec troppo rigido sui prezzi: Comitè Vins e Spirits Europe chiedono più flessibilità

21-02-2020 | Estero

Il monopolio della provincia canadese del Quebec, SAQ, sta imponendo...

A Santhià (VC) va in scena il Carnevale più antico del Piemonte

21-02-2020 | Itinerari

Grandiosi corsi mascherati, veglioni danzanti,bande, gruppi storici e appuntamenti enogastronomici:...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection