Dall'estero

Dopo che il governo degli Stati Uniti ha minacciato fino al 100% delle tariffe sui beni francesi per un valore di 2,4 miliardi di dollari, compreso il vino, il presidente americano Donald Trump e il presidente francese Emmanuel Macron hanno concordato una tregua per un anno.

Nel dicembre 2019, il governo degli Stati Uniti avveva proposto tariffe aggiuntive fino al 100% sui beni francesi, tra cui vino, formaggio e borse, come ritorsione dell'imposta sui servizi digitali in Francia. Soprannominata GAFA (acronimo di "Google, Apple, Facebook e Amazon"), l'imposta digitale francese imporrebbe un prelievo del 3% sul totale delle entrate annuali delle maggiori società tecnologiche globali che forniscono servizi ai consumatori francesi.

La disputa si protraeva da alcuni mesi. Nel luglio 2019, il presidente Trump ha promesso di annunciare "un'azione reciproca sostanziale" a quella che ha definito "follia del [presidente] Macron". Tuttavia, nel mese successivo, è stato raggiunto un accordo per sospendere il conflitto. Conflitto che si è riacceso a dicembre.

In un tweet pubblicato il 20 gennaio, il presidente Macron ha scritto che aveva avuto un "grande dibattito" con il presidente Trump e che i due paesi avrebbero "lavorato insieme su un buon accordo per evitare l'escalation delle tariffe". Il presidente Trump ha pubblicato la parola "eccellente" in risposta al tweet.

Una fonte diplomatica francese ha riferito a vari media che Macron e Trump hanno quindi deciso di sospendere ulteriori dazi fino alla fine dell'anno. I due leader continueranno i negoziati presso l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) sulla questione fiscale digitale. La fonte ha aggiunto: “Hanno concordato di dare la possibilità ai negoziati fino alla fine dell'anno. Durante quel periodo di tempo, non ci saranno tariffe ulteriori".

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha detto ai giornalisti a Bruxelles che ora c'è "un accordo" tra gli Stati Uniti e la Francia "per evitare qualsiasi escalation tariffaria ed evitare qualsiasi guerra commerciale". In seguito ha dichiarato all'emittente televisiva francese LCI che la Francia era "pronta a fare alcuni passi nella direzione degli Stati Uniti", ma che i negoziati erano stati "difficili" e "tutt'altro che vinti". Il vino francese è già stato bersaglio delle tariffe statunitensi dopo l'imposizione di un dazio all'importazione del 25% sul vino fermo (non superiore al 14% ABV) nel mese di ottobre.

 

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

Please publish modules in offcanvas position.