Dall'estero

Da Modena a New York City, passando per Bruxelles. La lunga settimana dell’Aceto Balsamico di Modena IGP è iniziata ieri con la partecipazione del Consorzio di Tutela all’ Authentic Italian Table, iniziativa comune a 23 CCIE (9 Nord America, 12 Europa, 2 Asia) coinvolte nel progetto True Italian Taste per la promozione della tradizione culinaria italiana e del prodotto autentico 100% Made in Italy. Una iniziativa organizzata per celebrare la cucina italiana in Belgio, nata dalla collaborazione tra la Camera di Commercio Belgo-Italiana e F.I.C. Belgio (Federazione Italiana Cuochi in Belgio), che vede protagonista il prezioso alimento al Foodlab Excellis - centro interamente dedicato al settore della ristorazione - tra le mani dei cuochi dei migliori ristoranti italiani in Belgio, con show-cooking e degustazioni di ricette tradizionali a partire dai prodotti 100% italiani, trasmettendo così il loro savoir-faire.

L’evento, che giunge quest’anno alla seconda edizione, fa parte del progetto True Italian Taste – a sua volta parte del programma “The Extraordinary Italian Taste” - promosso e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato da Assocamerestero in collaborazione con le Camere di Commercio italiane all’estero, per valorizzare e salvaguardare il prodotto agroalimentare autentico italiano.

Ha lo scopo di favorire, attraverso la rete della ristorazione, una migliore conoscenza del prodotto autentico italiano già presente sul mercato – con particolare riferimento a DOP e IGP – favorire la conoscenza e l’ingresso di nuovi prodotti, evidenziare – attraverso azioni di sensibilizzazione e formazione – le caratteristiche peculiari di ciascuno di essi sottolineandone il legame con il territorio di origine e proporre un modello di ristorazione ispirato alla tradizione italiana ma declinato secondo le esigenze locali, pur mantenendo ferme le caratteristiche del prodotto italiano autentico nella preparazione.

“Non potevamo mancare a quest’evento, un’ulteriore e importante occasione di raccontare alle Istituzioni, agli operatori, a giornalisti einfluencer di settore il valore dell’autenticità in un mondo di “fake”, l’autenticità che viene espressa dai prodotti DOP e IGP italiani che sono in grado di far percepire e gustare il prezioso legame tra cibo, cultura, tradizione e territorio – ha premesso il direttore del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP Federico Desimoni – e che ci permette di lavorare sull’educazione, la conoscenza e la consapevole del consumatore che, pur desiderando e cercando l’autentico Made in Italy, è troppo spesso sviato e ingannato da copie di cattivo gusto”.
 
Con le stesse finalità di educational experience, il prossimo 23 giugno, il Consorzio proporrà a New York City presso la Scavolini Soho Gallery, una serata dedicata all’incontro tra Aceto Balsamico di Modena e chef internazionali. Degustazioni narrativo-sensoriali, show cooking, presentazioni di nuove ricette e abbinamenti permetteranno ai partecipanti di immergersi nella nel poliedrico mondo del “balsamico” e della creatività culinaria. Organizzata nell’ambito del progetto “Balsamic Vinegar of Modena, the Original” - sviluppato per gli Stati Uniti e co-finanziato dall’Unione Europea -  l’iniziativa è indirizzata al mondo della comunicazione e agli operatori del settore e si propone come approccio innovativo alla “tradizione”.
L’evento, che si aprirà con i saluti della presidente del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico IGP Mariangela Grosoli e un esclusivo cocktail a base di aceto Balsamico di Modena IGP creato appositamente per l’occasione, si svilupperà con uno show cooking tenuto dalla chef Silvia Barban affiancata dal direttore del Consorzio Federico Desimoni, che racconterà e descriverà proprietà e caratteristiche dell’Aceto Balsamico di Modena IGP, nonché la storia di questo prodotto e come riconoscere quello autentico dalle imitazioni. Successivamente, è in programma una degustazione sensoriale accompagnata da ricette da proporre in abbinamento al prezioso condimento: primi piatti, pizza, piatti di formaggio e gelati per dimostrare la grande versatilità del prodotto, dalle radici antiche ma adatto ai sapori e alle combinazioni della cucina moderna.
 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection