L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Menta, rosmarino, basilico... da oggi è possibile avere le erbe aromatiche sempre fresche per impreziosire i propri cocktail. Come? Grazie alla tecnologia idroponica (senza terra), che permette di coltivare un vero e proprio orto direttamente nella propria cucina o nel bar. L'idea si chiama tomato+, ed è una vera e propria serra da interni - interamente realizzata in Italia -, per coltivare germogli, erbe e verdure in qualunque periodo dell’anno. 

Questo orto del futuro funziona collegandolo a una normale presa della corrente. È composto da quattro ripiani programmabili in maniera indipendente per coltivare più varietà contemporaneamente, per ognuna delle quali la serra tomato+ ricrea il naturale ciclo giorno-notte, l’umidità e la temperatura ottimali per la crescita. Basta inserire negli appositi spazi dei vassoi le cialde con le sementi già pronte per l’utilizzo e aggiungere nel serbatoio acqua demineralizzata con i nutrienti. A questo punto è sufficiente selezionare la tipologia prescelta dal display, e in poco tempo, da 7 giorni a 4 settimane, grazie alla coltura idroponica (senza terra) e alle condizioni ideali della serra, le verdure sono pronte per essere consumate, oppure sono mantenute fresche per le successive due settimane, se necessario.

Le erbe che crescono in tomato+, assicurano gli ideatori, hanno un alto contenuto di vitamine e sali minerali, sono molto gustose e particolarmente sane perché cresciute senza l’uso di antiparassitari o pesticidi, utilizzando aria e acqua non inquinate. I semi, inoltre, sono adagiati su un substrato naturale in cialde biodegradabili e compostabili al 100%, realizzate in un composto di amido di mais rigorosamente non OGM.  

Un'altra idea arriva dalla Finlandia. Plantui, ovvero un giardino idroponico da interni che, grazie al suo sistema d’irrigazione intelligente fornisce automaticamente acqua alle radici, in base alla fase di crescita o alla modalità impostata. 

In pochi centimetri quadrati e in un oggetto di design, riesce a crescere contemporaneamente fino a 12 piante finalmente gustose – e le migliori foglie di ravanello del mondo, secondo il parere del’importante chef finlandese SasuLaukkonen - grazie a un sistema brevettato che funziona tutto l’anno in virtù di uno speciale spettro luminoso e aumenta di 2 o 3 volte il contenuto di vitamina C e beta-carotene rispetto a quelle asfitticamente accatastate nelle cassette dei supermercati. Il processo di crescita, abbinato all’irrigazione intelligente con nutrimenti, riproduce lo spettro luminoso della fotosintesi fornendo alle piante la giusta quantità e qualità di luce necessaria per uno sviluppo ottimale. La luce e il sistema di irrigazione automatica vengono regolate dal Plantui Smart Garden durante le diverse fasi di crescita dalla pianta, creando le condizioni per ottenere erbe salutari, fresche e gustose. Con un raccolto giornaliero per 3 o 4 settimane che non prevede l’utilizzo di terra, le foglie non devono essere lavate, non necessitano la conservazione in frigorifero, crescono direttamente in casa e sono pure al cento per cento, senza OGM. L’irrigazione e l’illuminazione completamente automatizzate consentono anche a chi non sa cosa sia il pollice verde, di coltivare erbe aromatiche, insalate e fiori senza nessuna esperienza di dissodamento, semina e tutte quelle cose che è meglio lasciare a chi le sa fare. 

 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection