L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

È un tedesco 27enne di Colonia il miglior sommelier del mondo. Lo ha decretato ad Anversa l’Asi, Association de la Sommellerie Internationale. Marc Almert, sommelier di Le Pavillon a Zurigo, è prevalso sugli altri due finalisti, la danese Nina Højgaard Jensen ed il lettone Raimonds Tomsons. In totale si sono sfidati 65 professionisti provenienti da 63 diversi Paesi, tra cui ovviamente anche l’Italia, rappresentata dal viareggino Daniele Arcangeli, attualmente sommelier al The Fat Duck Group. 

Almert ha vinto grazie a  una prova ineccepibile che si è svolta su più livelli. Trele principali aree di esame e confronto: servizio, degustazione, teoria. Ma i giurati hanno tenuto conto anche della capacità di relazione e proprietà di linguaggio.

Nei sette test finali ci sono state anche degustazioni alla cieca (di vino e spiriti) e abbinamenti con i piatti di un menù che poteva essere visionato per non più di un minuto.

Inoltre ai tre finalisti è stato richiesto di individuare il vitigno dominante per 24 vini di cui vedevano solo nome e produttore.

Almert ha confidato che i test più ardui per lui sono stati la teoria e le degustazioni alla cieca di spiriti. E che è stato molto aiutato dalla pratica teatrale nell’affrontare le varie prove.

In complesso si è notato un abbassamento dell’età dei contendenti e una maggior presenza di sommelier donne.

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection