Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

L’emergenza sanitaria ha limitato ma non fermato la crescita del Brunello di Montalcino che, secondo il Consorzio, sarebbe stata ancora più netta senza i cali di richieste dei mesi di maggio e dicembre.  

Sono, infatti, circa 9 milioni i contrassegni Docg consegnati nel 2020 dal Consorzio per altrettante bottiglie di Brunello di Montalcino pronte alla vendita. Il dato registrato da Valoritalia è superiore (+12,2%) rispetto alle bottiglie immesse sul mercato nel 2019 e alla media degli ultimi 5 anni (+4,3%). Protagonista il millesimo 2015, giudicato straordinario dalla critica internazionale e oggetto di un boom di ordini da tutto il mondo già prima del suo esordio sugli scaffali. Alla sua prima stagione di vendita (da quest’anno è in commercio la riserva), l’annata 2015 ha già fatto meglio dei due millesimi precedenti rispettivamente del +53% del +32%. Ottime notizie anche dall’annata 2016, per cui tra novembre e dicembre scorsi sono stati richiesti 2,7 milioni di contrassegni Docg per altrettante bottiglie pronte a essere distribuite nel mondo.

“Considerata la congiuntura attuale – ha detto il presidente del Consorzio del vino Brunello di Montalcino, Fabrizio Bindocci – il risultato generale è assolutamente positivo, anche se in condizioni normali la crescita sarebbe stata almeno doppia. Abbiamo avuto la fortuna di affrontare il periodo più difficile con le 2 annate consecutive migliori della storia come alleate, e se la 2015 ci ha consentito di difenderci nel migliore dei modi, la 2016 ha tutte le carte in regola per consolidare il brand Brunello tra i più grandi vini del mondo”.

Stabili nel 2020 (-1%, a oltre 4,1 milioni di bottiglie) le consegne di contrassegni per il Rosso di Montalcino.

Il Consorzio di tutela del vino Brunello di Montalcino riunisce 212 soci (che rappresentano il 98,2% della produzione di Brunello), per una tutela che si estende su un vigneto di oltre 4.300 ettari nel comprensorio del Comune di Montalcino. Di questi, 3.150 sono iscritti a Doc e Docg (2.100 a Brunello, contingentati dal 1997, 500 a Rosso di Montalcino, 50 a Moscadello, 480 a Sant’Antimo).

Patuanelli: tuteleremo l'aceto balsamico dall'"attacco" della normativa slovena

25-02-2021 | News

"La tutela del patrimonio enogastronomico italiano è una priorità del...

Brexit, export alla prova delle nuove procedure

25-02-2021 | News

Oggi 25 febbraio Federvini ha organizzato un webinar di approfondimento...

Giappone: annunciati nuovi requisiti di etichettatura per il whisky giapponese

24-02-2021 | Estero

La Japan Spirits & Liqueurs Makers Association ha pubblicato nuove...

Vinitaly verso l'appuntamento di giugno nel segno del business (e della sicurezza)

23-02-2021 | News

Un evento per la ripartenza nel segno del business, di...

La Slovenia mette sotto attacco l'Aceto Balsamico di Modena Igp

23-02-2021 | News

Il Governo sloveno ha notificato alla Commissione Europea una norma...

Nuove varietà di uva da vino iscritte nel Registro nazionale

23-02-2021 | Normative

Segnaliamo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 20 febbraio...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.