Studi e Ricerche

La pressione fiscale sale e i belgi rinunciano a una buona parte dei consumi di vino. Oppure, scelgono opzioni meno costose, per esempio preferendo il Cava allo Champagne. E' la fotografia dell'ultimo report di Wine Intelligence sul Paese. L'aumento delle accise sul vino, introdotte dal 2015 e trasferita sui consumatori, ha portato a un inevitabile calo dei volumi venduti. Complice anche il fatto che molti, per ovviare ai rincari, hanno preferito fare acquisti nei Paesi limitrofi che offrivano prezzi più convenienti. E forse i rincari sono anche il motivo del recente successo del Cava a scapito dello Champagne, che perde uno dei suoi mercati-roccaforte. A impattare sui consumi è intervenuto anche il Governo belga con la campagna "Tournée Minérale" che promuove un mese senza alcolici e che potrebbe aprire la strada ai vini a più bassa o nulla gradazione alcolica. Ma non così aperta da portare fino alla sperimentazione di novità, quali il vino blu o simili. Dall'indagine, infatti, emerge che i cosumatori belgi sono curiosi verso le scoperta di nuovi territori e nuove denominazioni, purché non si sconfini nell'innovazione non convenzionale.

Le preferenze dei Millennials

Analizzando i consumatori si scopre che i wine lovers più giovani (tra i 18 ed i 24 anni) hanno più consapevolezza sul valore dei soldi, ma sono anche quelli che bevono vino con minor frequenza, l’81% di loro dice di apprezzare il Cava, il 69% i rosati, mentre tra le varietà vince il Sauvignon Blanc (58%). Per loro l'etichetta è importante (55%), mentre il 45% ammette di non conoscere abbastanza sul vino, specie sui diversi terroir dei Paesi produttori. Comunque, la quasi totalità (94%) ama bere vino al ristorante, con il 39% di loro che sceglie senza alcun pregiudizio bottiglie con tappi diversi dal sughero.
Tra le tipologie preferite dai belgi, i bianchi hanno retto meglio all'involuzione del mercato rispetto a rossi e spumanti. Tra i più amati è lo Chardonnay, scelto negli ultimi 6 mesi dal 63% dei wine lovers, seguito dal Pinot Grigio (46%) e dal Sauvignon (45%). Al quarto posto il Riesling (29%) e a seguire Gewurztraminer (20%), Chenin Blanc (13%), Moscato (in calo, dal 18% del 2013 al 12% del 2018) e Viognier (8%).

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection