Studi e Ricerche

Un nuovo studio sulla risposta cerebrale alla degustazione del vino ha rilevato che la formazione dei sommelier non si limita a perfezionare il palato, ma rimodella il cervello stesso.

Lo studio, intitolato "Sniffing out meaning: Chemosensory and semantic neural network changes in sommeliers", ha esaminato se la risposta cerebrale alla degustazione del vino differisce tra sommelier e non esperti.

I ricercatori volevano capire se i sommelier fossero più avanzati non solo nel cogliere le sottili differenze tra i vini, ma anche se fossero in grado di tradurle meglio in complesse descrizioni verbali. Hanno osservato differenze strutturali nel cervello tra i sommelier e i bevitori occasionali di vino.

I risultati dello studio hanno anche rivelato che i sommelier e i bevitori occasionali impegnano regioni cerebrali diverse durante la degustazione del vino. I sommelier attivano oltre alla corteccia frontale anche le parti del cervello che utilizzano il linguaggio e il gusto e riescono a creare collegamenti tra i due.

Manuel Carreiras, direttore scientifico del Basque Center on Cognition, Brain and Language, che ha diretto la ricerca, dice: "Lo studio rappresenta uno dei pochi esperimenti che hanno esaminato la struttura e il funzionamento del cervello dei sommelier durante le degustazioni. I nostri risultati indicano che l'esperienza nella degustazione del vino probabilmente modula sia i circuiti della degustazione che quelli del linguaggio per produrre capacità superiori di riconoscimento dei sapori, come mostrato dai sommelier durante le degustazioni alla cieca".

Gli scienziati hanno utilizzato l'analisi di risonanza magnetica funzionale per comprendere le differenze tra il modo in cui i sommelier e i bevitori occasionali di vino utilizzano il cervello durante la degustazione del vino.

Per lo studio è stato utilizzato un gruppo di 28 volontari adulti sani, divisi tra sommelier esperti e bevitori occasionali di vino.

A entrambi sono stati fatti assaggiare quattro diversi vini spagnoli mentre il loro cervello era collegato a una macchina per la risonanza magnetica e gli è stato chiesto di valutare la complessità di ciascun vino.

La loro capacità di giudicare la complessità è stata valutata anche dopo la risonanza magnetica, dove hanno svolto la stessa attività per misurare la capacità dei sommelier di cogliere le sottili differenze nel sapore e nell'aroma del vino.

foto freepik

 

 

Verifood, l’AI in aiuto per tutelare i marchi Dop e Ig

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Un sistema di ricerca automatica sul web per scoprire usurpazioni...

Rapporto Ismea sull’innovazione vitivinicola: soluzioni agritech e agricoltura digitale

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Le incertezze del quadro economico e geopolitico mondiale, tra crisi...

L’Italia contro il decreto belga sulla pubblicità delle bevande alcoliche

18-04-2024 | News

Federvini accoglie con favore la tempestiva azione del Governo, annunciata...

Rentri: disponibile ambiente Demo per avvicinare gli utenti ai nuovi obblighi

18-04-2024 | Normative

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (Mase) ha attivato...

Pnrr e taglio dei tassi trainano una crescita moderata ma costante

18-04-2024 | Studi e Ricerche

Secondo un'analisi del centro studi di Confindustria, il commercio mondiale...

Turchia, aggiornato il regolamento sull'etichettatura degli alimenti

18-04-2024 | Estero

La Turchia ha recentemente apportato diverse modifiche al "Codice Alimentare...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.