Studi e Ricerche

Una ricerca presentata a una conferenza dell'American Heart Association ha rilevato che chi beve un bicchiere di vino a cena hanno meno probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto alle persone che non assumono vino.

I ricercatori hanno intrapreso l'analisi su più di 300.000 inglesi nel database della biobanca del Regno Unito. Hanno scoperto che bere una "quantità moderata" di vino rosso a pasto può essere associato a un rischio ridotto (del 14%) di sviluppare il diabete di tipo 2. In circa 11 anni di follow up, 8.600 pazienti hanno sviluppato il diabete di tipo 2.

"Gli effetti del consumo di alcol sulla salute sono stati descritti come una spada a doppio taglio: dannoso o utile, a seconda di come viene consumato", ha detto l'autore dello studio Hao Ma, dal Tulane University Obesity Research Center di New Orleans. Notando i "risultati misti" degli studi precedenti che si sono concentrati sulle quantità di consumo, lo studioso ha detto che occorre esaminare anche altri fattori. "Pochissimi studi si sono concentrati su altri dettagli, come i tempi di assunzione dell'alcol".

Gli autori dello studio hanno ipotizzato che alcune sostanze chimiche presenti nel vino, o forse anche l'alcol stesso, potrebbero alterare il modo in cui gli individui metabolizzano il glucosio, alterando quindi il loro rischio di sviluppare il diabete.

"Il messaggio che deriva dalla ricerca è che bere quantità moderate di vino durante i pasti può prevenire il diabete di tipo 2 se non si ha un'altra condizione che può essere influenzata negativamente dal consumo moderato di alcol e in consultazione con il medico", ha detto Hao Ma..

Tuttavia secondo Robert Eckel, ex presidente dell'American Heart Association, "questi dati suggeriscono che non è l'alcol ai pasti, ma altri ingredienti nel vino, forse antiossidanti, ad essere il fattore determinante nel ridurre potenzialmente il diabete di tipo 2 di nuova insorgenza". In ogni caso "i risultati suggeriscono che se si sta consumando alcol con i pasti, il vino può essere una scelta migliore".

L'associazione europea del vino ha esortato i politici europei a riconsiderare l'affermazione che non c'è "nessun livello sicuro di consumo di alcol", che proveniva da un rapporto dell'UE nel Comitato speciale per la lotta contro il cancro (BECA) - e un'affermazione che era basata su uno studio "difettoso".

 

Tour sciistici sulle Dolomiti alla scoperta della Grande Guerra

02-02-2023 | Itinerari

In questo periodo dell'anno le Dolomiti sono una delle mete...

Nuova viticoltura, studio sui vitigni resistenti

01-02-2023 | Studi e Ricerche

Unire qualità alla concreta sostenibilità: è questo lo spirito che...

Abruzzo eletta regione vinicola dell'anno per Wine Enthusiast

01-02-2023 | Arte del bere

Riconoscimento prestigioso per l'Abruzzo proveniente dagli Stati Uniti, dove Wine Enthusiast...

Piano Gestione dei Rischi, via libera da Stato-Regioni

01-02-2023 | Normative

Tra le novità del Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura...

Parlamento Ue: interrogazione urgente sull’etichettatura degli alcolici in Irlanda

01-02-2023 | News

Un'interrogazione urgente alla Commissione Ue sull'etichettatura degli alcolici voluta dall'Irlanda...

Usa, calano le vendite dirette delle case vinicole ma cresce il valore delle bottiglie

01-02-2023 | Arte del bere

Le vendite dirette delle cantine americane (direct-to-consumer) sono calate del...

© 2023 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.