Studi e Ricerche

Nonostante i livelli di conoscenza del vino siano in calo, i consumatori nel mondo sono sempre più coinvolti nella materia, secondo il rapporto Global Trends in Wine 2020 di Wine Intelligence.

La ricerca pubblicata questa settimana rivela come i consumatori nei principali mercati mondiali del vino siano sempre più interessati ma la loro conoscenza del vino è diminuita, molto probabilmente a causa della ridotta necessità di memorizzare dati e della maggiore accessibilità delle informazioni grazie agli smartphone.

Tra i mercati chiave, Australia e Giappone hanno visto la più alta crescita nel coinvolgimento nella categoria dei vini negli ultimi cinque anni. In Giappone, la percentuale di consumatori di vino fortemente coinvolti è aumentata dal 36% nel 2015 al 41% nel 2019, mentre la popolazione australiana di bevitori mensili è passata dal 30% al 36%.

Nel frattempo, i consumatori in Cina e negli Stati Uniti hanno registrato un forte calo delle loro conoscenze sul vino tra il 2015 e il 2019. L'indice per i consumatori cinesi è sceso di 6 punti da 34,7% a 28,6% e i consumatori statunitensi hanno visto un analogo indice di conoscenza scendere da 34,2% a 28,8%. L'indice di conoscenza del vino ricordato da Wine Intelligence viene calcolato in base alla consapevolezza dei consumatori nei confronti dei paesi produttori di vino, regioni, varietà e marchi e rappresentato su una scala da zero a 100 dove un punteggio più alto rappresenta più conoscenza.

In tutti i mercati si nota che le donne che bevono vino hanno le stesse o addirittura più alte conoscenze del vino, ma sono spesso meno coinvolte nella categoria rispetto agli uomini, specialmente nei mercati di lingua inglese. Nel Regno Unito, il 40% dei bevitori di vino maschili è fortemente coinvolto nella categoria, rispetto al solo 28% delle consumatrici; tuttavia i punteggi dell'indice di conoscenza per le bevitrici femminili del Regno Unito sono più alti (42,8) rispetto ai loro colleghi maschi (40,3).

I bevitori di vino premium, o quelli che spendono più di 15 dollari una volta al mese, non sono sostanzialmente più informati sul vino rispetto ai bevitori di vino non premium. Tuttavia, quelli premium mostrano più sicurezza sul vino rispetto ad altri bevitori. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito questa categoria ottiene un punteggio superiore di sette punti sull'indice di fiducia del vino di Wine Intelligence rispetto ai bevitori di vino non premium - in base alla misura in cui i consumatori si sentono competenti sulla loro conoscenza del vino.

Commentando i risultati, Lulie Halstead, CEO di Wine Intelligence, ha dichiarato: “Fino a tempi relativamente recenti il ​​vino era visto da molte persone come complesso e intimidatorio. Grazie in parte alla rivoluzione informatica, la fiducia dei consumatori nel vino è su una traiettoria ascendente, che incoraggerà tutti quei produttori e proprietari di marchi che possono offrire prodotti di alta qualità insieme a storie avvincenti sul marchio. D'altro canto sembra che non abbiamo più bisogno di apportare molta conoscenza nella nostra testa. Ciò porterà nuove sfide ai produttori di vino e alle aree di produzione più consolidate, che dovranno lottare più duramente per mantenere il loro dominio storico sulla categoria".

 

Nascono i webinar "Dialoghi sul Turismo Enogastronomico"

27-03-2020 | Itinerari

L’escalation dell’emergenza Covid-19, con diffusione ormai globale, ha costretto il...

Usa, ritardi nei pagamenti dei dazi

26-03-2020 | Estero

Il sito delle Dogane americane ha segnalato che a causa...

Decreti, codici Ateco e Inps: le ultime notizie

26-03-2020 | Normative

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DECRETO LEGGE 25...

Nasce Winease, piattaforma digitale per il vino italiano in Cina

26-03-2020 | News

Nasce a Firenze, a servizio del vino italiano, Winease, completo...

Ismea, provvedimenti straordinari per le imprese agricole e agroalimentari

25-03-2020 | News

A seguito dell’evolversi dell’emergenza sanitaria e del protrarsi delle misure...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection