Studi e Ricerche

L’industria alimentare italiana corre più forte degli altri settori. Lo si desume dalle ultime rilevazioni Istat sulla produzione. Nel mese di aprile il comparto alimentare registra, su indici a parità di giornate lavorative, un aumento del +4,9% sullo stesso mese dell’anno precedente. Nel 1° quadrimestre, il settore mostra così un aumento del +2,2%. L’industria italiana nel suo complesso evidenzia a sua volta, ad aprile, un calo del -1,5%, mentre nel primo quadrimestre mostra una variazione del -0,7%. Il settore conferma ancora, perciò, sia nel mese che nel quadrimestre, un andamento migliore di quello del totale industria, come emerso già negli ultimi mesi 2018.

Alcuni comparti alimentari mostrano andamenti particolarmente positivi rispetto a quello medio di settore. In particolare, sul quadrimestre, spiccano la “distillazione, rettifica e miscelatura degli alcolici” (+23,9%), i “vini da uve” (+5,9%), il “pane e prodotti di pasticceria freschi” (+8,4%), i “succhi di frutta e ortaggi” (+7,6%), l’“alimentazione per animali” (+6,7%), il “cacao, cioccolato, caramelle e confetterie” (+5,2%) e la “birra” (+5,1%). 

A frenare gli entusiasmi è il presidente di Federalimentare, Ivano Vacondio: “Questa performance nasce dalla spinta specifica delle vendite pasquali e soprattutto dal consolidato trend dell’export, che è sempre più il fattore trainante del settore alimentare, mentre sui consumi interni non registriamo la stessa vivacità di fondo”. Sui tredici macrocomparti censiti dall’Istat, in ogni caso, solo quattro evidenziano variazioni positive. E tra questi l'alimentare appare decisamente il migliore. Fra i trend in crescita seguono nel periodo, le ”altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine e apparecchiature” (+1,4%), la “fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica” (+0,5%), la “fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche” (+0,2%). Mentre scivolano nettamente in negativo, in particolare la “fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati” (-7,7%), la “metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo” (-3,7%), i “mezzi di trasporto” (-3,6%) e i “prodotti farmaceutici” (-3,6%).

All'asta (per beneficienza) il più antico single malt Scotch mai imbottigliato

21-06-2021 | Arte del bere

Il più antico single malt Scotch mai imbottigliato sarà venduto...

Assemblea Assobibe: più strategie e investimenti, senza nuove tasse sull’alimentare

21-06-2021 | News

Un’occasione di confronto tra sigle del comparto beverage, della distribuzione...

Non solo vini fermi, anche gli spumanti resteranno perfetti dopo la stappatura

20-06-2021 | Arte del bere

Dopo anni di attesa è arrivato e sta per essere...

Terre Alfieri, la Docg premia la crescita del Nebbiolo

20-06-2021 | Trend

Docg da neppure un anno, 'Terre Alfieri' con i suoi...

A Zagabria la prima edizione del workshop vini e spiriti italiani

18-06-2021 | Estero

L’Ice-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane...

Vini Doc Sicilia, Cina e Usa nel mirino delle nuove iniziative di promozione

18-06-2021 | Trend

Un ricco calendario di attività in Italia e all'estero è...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.