La Thailandia ha posticipato l’entrata in vigore del nuovo certificato di analisi al 14 settembre 2018. I nuovi requisiti richiesti dal certificato sono necessari agli importatori di bevande alcoliche che devono presentare i documenti relativi e ricevere i risultati di analisi di laboratorio prima di ottenere il premesso di importazione.

Secondo la recente notifica, fino al 14 settembre 2018, il Dipartimento thailandese Accise consentirà ai campioni di analisi di essere presentati entro 30 giorni dalla data in cui vengono importati, ciò significa che l’autorizzazione ad essere importati è soggetta ai risultati finali dei test di analisi. 

Il Dipartimento tailandese Accise sta elaborando delle linee guida per fornire istruzioni più dettagliate sui requisiti del nuovo certificato di analisi. Fonte: FIVS

Via libera alla manovra 2019. Ecco tutte le novità

16-10-2018 | News

Il Governo ieri sera ha approvato la manovra 2019 che...

Italian Spirits Tour: buona la prima!

12-10-2018 | Arte del bere

Si è appena concluso l’incoming Italian Spirits Tour che chiude...

Boom degli acquisti online nel 2018: il primato di crescita ai vini bianchi

12-10-2018 | Studi e Ricerche

Secondo il report di Nielsen sull’e-commerce nel mondo, le vendite globali online...

L'Irlanda approva l'Alcohol Bill: giro di vite su etichette e vendite

12-10-2018 | News

Il Senato irlandese ieri ha approvato definitivamente l’Alcohol Bill. Il...

Passeggiata archeologica tra i vigneti

12-10-2018 | Itinerari

Uno dei migliori itinerari del vino in Italia è sicuramente quello della Strada...

California: obbligatorio il messaggio di allerta sanitaria sul Bisfenolo

12-10-2018 | Normative

Nello stato della California, la legge statale “Proposition 65” ha...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.