Normative

Gli aggiornamenti di leggi e decreti che riguardano il mondo dei vini, degli spiriti e degli aceti

Con 466 voti a favore, il 19 aprile 2018,  l'Europarlamento ha approvato le nuove norme sulla produzione e commercializzazione dei prodotti da agricoltura biologica. Il nuovo regolamento dal 2021 sostituirà l’attuale quadro normativo, che risale al 2007 e che aveva aggiornato il primo regolamento sull’argomento del 1991. Il testo è il frutto di quasi quattro anni di negoziati tra Parlamento, Commissione Europea e Consiglio, che son stati più volte sul punto di saltare per l’irrigidimento dell’una o dell’altra posizione. Gli europarlamentari italiani di tutti i partiti hanno votato contro il provvedimento, frutto di un compromesso tra le istituzioni europee raggiunto nell'estate 2017. Le delegazioni italiane chiedevano norme più restrittive di quelle adottate, in particolare sulla soglia di contaminazione accidentale da pesticidi non autorizzati e sulle deroghe concesse all'importazione di prodotti bio da paesi terzi.

Il nocciolo duro del Regolamento non cambia: nelle aziende biologiche si continuerà a non utilizzare fertilizzanti, diserbanti, pesticidi e altre sostanze di sintesi, continuerà la rigorosa esclusione degli OGM, nella trasformazione dei prodotti non si ricorrerà a coloranti, conservanti, esaltatori di sapidità ed altri additivi non autorizzati.

20180405PHT01064 original

La produzione biologica in Europa è in continua crescita: già nel 2016 c’erano 13,5 milioni di ettari a coltivazione biologica, pari al 6.7% del totale, che diventa 21,9% in Austria, 18% in Svezia e 14,5% in Italia. Nel 2016 in Italia è amentato del 20.3% il numero dei coltivatori in regime bio. 

20180405PHT01063 original

Per quanto riguada le produzioni vinicole la nuova normativa prevede che il vino biologico debba essere prodotto interamente con materia prima bio e sarà possibile utilizzare in aggiunta solo alcune sostanze autorizzate in accordo con il Regolamento comunitario. Le pratiche enologiche, i processi e i trattamenti dovranno essere effettuati secondo le regole produttive ivi descritte. Eventuali regole e restrizioni supplementari inerenti al mondo vitivinicolo saranno adottate dalla Commissione in modo da assicurare qualità, tracciabilità e adeguamento agli sviluppi tecnici.

 

The Vermouth of Turin nelle nomination di Tales of the cocktails

26-06-2019 | Arte del bere

l  libro “The Vermouth of Turin” è stato nominato fra i primi...

Rimini dice addio alla plastica per i drink: dal 1° luglio le cannucce si mangiano

25-06-2019 | Trend

Il 1° luglio a Rimini entra in vigore l'ordinanza "plastic...

Verso la conclusione i negoziati tra Ue e Mercosur, il vino fuori dallo scambio di offerte

25-06-2019 | News

Il negoziato tra l’Unione europea e i paesi del Mercosur...

Il vino fa bene a Sotheby's: crescita del 23% nei primi sei mesi dell'anno

24-06-2019 | News

Il vino fa bene alle aste. Sotheby’s (recentemente acquistata dal...

Visita al Museo del Vino e del Cavatappi

21-06-2019 | Itinerari

Intitolata al noto letterato del ‘700 e situata a Ciliverghe...

Il futuro secondo i guru della mixology? Sempre più Pre-Batched cocktails e food pairing

20-06-2019 | Trend

Ospitalità, creatività e high standing: sono questi i concetti chiave...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection