Con 466 voti a favore, il 19 aprile 2018,  l'Europarlamento ha approvato le nuove norme sulla produzione e commercializzazione dei prodotti da agricoltura biologica. Il nuovo regolamento dal 2021 sostituirà l’attuale quadro normativo, che risale al 2007 e che aveva aggiornato il primo regolamento sull’argomento del 1991. Il testo è il frutto di quasi quattro anni di negoziati tra Parlamento, Commissione Europea e Consiglio, che son stati più volte sul punto di saltare per l’irrigidimento dell’una o dell’altra posizione. Gli europarlamentari italiani di tutti i partiti hanno votato contro il provvedimento, frutto di un compromesso tra le istituzioni europee raggiunto nell'estate 2017. Le delegazioni italiane chiedevano norme più restrittive di quelle adottate, in particolare sulla soglia di contaminazione accidentale da pesticidi non autorizzati e sulle deroghe concesse all'importazione di prodotti bio da paesi terzi.

Il nocciolo duro del Regolamento non cambia: nelle aziende biologiche si continuerà a non utilizzare fertilizzanti, diserbanti, pesticidi e altre sostanze di sintesi, continuerà la rigorosa esclusione degli OGM, nella trasformazione dei prodotti non si ricorrerà a coloranti, conservanti, esaltatori di sapidità ed altri additivi non autorizzati.

20180405PHT01064 original

La produzione biologica in Europa è in continua crescita: già nel 2016 c’erano 13,5 milioni di ettari a coltivazione biologica, pari al 6.7% del totale, che diventa 21,9% in Austria, 18% in Svezia e 14,5% in Italia. Nel 2016 in Italia è amentato del 20.3% il numero dei coltivatori in regime bio. 

20180405PHT01063 original

Per quanto riguada le produzioni vinicole la nuova normativa prevede che il vino biologico debba essere prodotto interamente con materia prima bio e sarà possibile utilizzare in aggiunta solo alcune sostanze autorizzate in accordo con il Regolamento comunitario. Le pratiche enologiche, i processi e i trattamenti dovranno essere effettuati secondo le regole produttive ivi descritte. Eventuali regole e restrizioni supplementari inerenti al mondo vitivinicolo saranno adottate dalla Commissione in modo da assicurare qualità, tracciabilità e adeguamento agli sviluppi tecnici.

 

Barolo e Amarone i più conosciuti dai cinesi ma il primato della popolarità va alla Ferrari

18-09-2018 | Estero

Il marchio italiano più conosciuto dai cinesi? Resta la Ferrari...

Vini Doc Sicilia a quota 50 milioni di bottiglie

18-09-2018 | Trend

I 50 milioni di bottiglie prodotte da gennaio a luglio...

“No Italy, no Cocktail”: i bartender americani alla scoperta della tradizione italiana

17-09-2018 | News

Nel 2018, l’Agenzia ICE – Istituto per il Commercio Estero...

Centinaio: accordo con Alibaba per vendere ai cinesi il vero made in Italy

15-09-2018 | News

Un accordo con il gigante dell'ecommerce Alibaba per dedicare una...

I Supertuscan come una Bamboo di Gucci? "Vino pret-à-porter", trucchi e consigli per tutte le wine lover

14-09-2018 | Arte del bere

Esce  in libreria  per Rizzoli Illustrati "Vino pret-à-porter" di Francesca Negri...

Tailandia: slitta a marzo 2019 l’entrata in vigore del nuovo certificato di analisi

14-09-2018 | Normative

La Tailandia richiede un nuovo certificato di analisi che deve...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.